It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Il trapianto di cornea, detto anche cheratoplastica, è un intervento di microchirurgia che consiste nella sostituzione della cornea malata o di una sua parte con quella prelevata da un donatore selezionato, e proveniente da apposite Banche delle Cornee che certificano la qualità del tessuto inviato.

Laddove non sia possibile intervenire con terapie meno invasive, il trapianto è necessario quando la cornea:

- perde trasparenza e diventa opaca, compromettendo seriamente la vista;
- è deformata, a seguito di infezioni o incidenti;
- rischia di perforarsi.

Rispetto al passato, oggi è possibile sostituire soltanto la parte di tessuto malato, lasciando intatti i rimanenti strati della cornea.

In cosa consiste l’intervento?

Il trapianto di cornea avviene in anestesia locale o generale e non è necessario che donatore e ricevente siano compatibili. Il successo dell’intervento e l’assenza di complicanze dipende dal tipo e dal grado di evoluzione della patologia. Dopo l’operazione, l’occhio interessato può risultare arrossato e dolente; altri possibili effetti sono sensazioni di corpo estraneo, bruciore, fastidio, lacrimazione, fluttuazioni visive, aloni, che si andranno via via attenuando. Il rischio di infezione è molto alto, e lo si elimina con un’appropriata igiene personale e oculare. Il rischio di rigetto si riduce fortemente trascorsi i cinque anni dall’intervento.

La degenza post-operatoria, in assenza di complicanze, varia da uno a tre giorni.

I controlli post-operatori

Sono fondamentali per non compromettere l’esito dell’intervento stesso, ed è necessario ripeterli per lungo tempo. La sutura viene rimossa a circa un anno e mezzo dall'operazione, in seguito alla quale il riassestamento della cornea può causare la comparsa di difetti visivi quali astigmatismo, miopia o ipermetropia non prevedibili.

L'attecchimento e la vitalità della cornea trapiantata, la sua trasparenza, la presenza di astigmatismo residuo e le condizioni di salute degli altri distretti dell'occhio operato (come retina e cristallino) sono le variabili che possono determinare la buona riuscita o meno dell’intervento. Per riscontrare un miglioramento della vista occorrono comunque diverse settimane.

Curated Tags