It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’anemia falciforme è una malattia genetica del sangue, trasmissibile per via ereditaria, che colpisce i globuli rossi. Questi, che normalmente hanno l’aspetto simile a un disco e sono flessibili, assumono una forma irregolare (più vicina a una falce o mezzaluna), diventano rigidi e vischiosi e rimangono incastrati nei piccoli vasi sanguigni, non consentendo al sangue di fluire correttamente in tutto l’organismo.

All’origine della malattia c’è un’anomalia genetica dell’emoglobina, la proteina che trasporta ossigeno dai polmoni a tutto il corpo. La patologia, che è grave e permanente, può essere ereditata solo se entrambi i genitori ne sono affetti.

L’anemia falciforme però va ben oltre il danno ai globuli rossi: la patologia ha un effetto silenzioso e continuo sui vasi sanguigni e su altre cellule ematiche, quali i globuli bianchi e le piastrine. Questo processo causa crisi vaso-occlusive associate a dolore, anche chiamate episodi o eventi di dolore. Le crisi falcemiche sono eventi gravi e possono incidere su corpo, mente e sulla vita in generale. Anche tra una crisi di dolore e l’altra, questo processo della vaso-occlusione continua ad avere luogo e produce effetti che causano danno vascolare, conducendo a un progressivo danno agli organi.

Quali sono i sintomi?

I sintomi dell’anemia falciforme possono cominciare a manifestarsi dai primi mesi di vita e includono:

  • anemia, ossia una carenza cronica di globuli rossi;
  • attacchi dolorosi improvvisi e frequenti a torace, addome, schiena, gambe e braccia;
  • gonfiore a mani e piedi, specialmente nei bambini;
  • predisposizione a infezioni;
  • ritardo della crescita;
  • problemi di vista;
  • pelle e occhi gialli (ittero);
  • milza gonfia.

Cosa fare in caso di crisi falciforme?

Molte persone vivono una vita piena e trovano modi per gestire in casa alcuni degli episodi di dolore meno intensi. Semplici accorgimenti possono aiutare a evitare situazioni in grado di scatenare una crisi dolorosa: lavarsi le mani, mangiare alimenti sani e preparati in modo sicuro, vaccinarsi per evitare di ammalarsi; evitare le temperature molto alte o molto basse; mantenersi idratati, bevendo dagli 8 ai 10 bicchieri di acqua al giorno. È però molto importante monitorare e informare un medico di ogni crisi di dolore manifestata da te o da un tuo familiare. Insieme potete stilare un piano per gestire le crisi di dolore future nel miglior modo possibile.

Curated Tags