It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa che attacca il sistema nervoso centrale. È causata dalla presenza di lesioni lungo le fibre nervose. In queste aree avviene una perdita di mielina, cioè la sostanza che le riveste e isola. Questo processo, detto di demielinizzazione, porta alla formazione di placche che possono evolvere sino alla formazione di vere e proprie cicatrici. Queste lesioni causano danni al sistema nervoso, differenti in funzione dei nervi colpiti. La sclerosi multipla è per lo più diagnosticata tra i 20 e i 40 anni, in maggioranza nelle donne con un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Affligge 2,5 milioni di persone nel mondo, 700mila in Europa e 126mila solo in Italia.

I sintomi

Caratteristica della malattia è la coesistenza di più sintomi di diverso tipo in funzione dei nervi colpiti. I disturbi comprendono, a solo titolo di esempio:

- calo rapido della vista o suo sdoppiamento
- paresi
- parestesie (perdita di sensibilità)
- deficit dell'equilibrio
- difficoltà motorie
- debolezza e stanchezza
- disturbi cognitivi
- disturbi urinari
- disturbi del linguaggio
- difficoltà a deglutire.

Nelle prime fasi della malattia la regressione di segni e sintomi è pressoché completa, ma con il tempo questi persistono più a lungo conducendo, senza trattamento, a invalidità.

Cause e diagnosi

La sclerosi multipla è una patologia autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca la mielina portando a una sua progressiva distruzione. La diagnosi è condotta sulla base dei sintomi riportati dal paziente, dei segni rilevabili nel corso della visita neurologica generale e in funzione delle lesioni rilevate durante la risonanza magnetica. Altre indagini di supporto sono eseguite per valutare la patologia e il suo decorso, ad esempio l'esame del liquido cerebrospinale mediante puntura lombare.

Le terapie e il controllo della malattia

Nel corso degli anni le terapie delle sclerosi multipla si sono notevolmente evolute. A oggi il rischio di invalidità per un paziente neodiagnosticato si è ridotto notevolmente. Accanto ai farmaci tradizionali si sono affiancate infatti numerose terapie biotecnologiche in grado di controllare la progressione della malattia e di consentire ai pazienti una qualità di vita in alcuni casi pressoché normale.

Curated Tags