It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Per sindrome metabolica si intende la compresenza di alcuni fattori di rischio, quali obesità, ipertensione e trigliceridi alti, che possono favorire lo sviluppo di malattie cardiovascolari, diabete e tumori (tra cui quelli a seno, prostata, fegato).

Chi è affetto da sindrome metabolica ha il doppio delle possibilità di sviluppare una malattia cardiaca e una possibilità cinque volte maggiore di ammalarsi di diabete.

Quali sono i fattori che concorrono allo sviluppo della sindrome metabolica?  

Il rischio di sviluppare la sindrome metabolica aumenta in presenza dei seguenti fattori:

- obesità addominale;
- colesterolo ldl e trigliceridi alti;
- colesterolo Hdl (il cosiddetto colesterolo buono) basso;
- resistenza all’insulina e conseguente iperglicemia;
- iperuricemia (eccesso di acido urico nel sangue);
- ipertensione.

A questi vanno aggiunti altri fattori come l’età avanzata, la predisposizione genetica, la scarsa attività fisica e la familiarità con il diabete. Per la diagnosi di sindrome metabolica è necessaria la compresenza di almeno tre fattori di rischio.

Come si previene?

Svolgere attività fisica regolare e mantenere il giusto peso corporeo sono due regole essenziali per la prevenzione della sindrome metabolica. Per una corretta dieta alimentare è consigliabile consumare molta frutta e verdura e limitare cibi e bevande calorici.

Curated Tags