It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Lo stress da pandemia ha colpito i medici italiani più di altri colleghi europei. Quasi un quarto dei camici bianchi ha sofferto di ansia e oltre un quinto di depressione, secondo quanto emerge da uno studio inglese pubblicato sulla piattaforma pre-print 'medRxiv', che ha indagato l'impatto di Covid-19 sulla salute mentale di oltre 5mila medici tra Italia (più di 2.500, 50% donne e 50% uomini), Catalogna e Regno Unito, nei periodi giugno 2020 e novembre/dicembre 2020.

I tassi di ansia e depressione sono risultati superiori fra i medici italiani (24,6% e 20,1%, giugno 2020), rispetto ai colleghi catalani (24,6% e 17,4%, giugno 2020) e inglesi (11,7% e 13,7%, giugno 2020). In tutti e 3 i Paesi il rischio era maggiore tra le donne, gli under 60, gli operatori che si sentivano più esposti e vulnerabili sul lavoro, e quelli in cattive condizioni di salute. Non sono state riscontrate differenze nei due periodi di raccolta dati, il che porta gli autori - scienziati delle università di Exeter, Cambridge e Glasgow - a non escludere che le ripercussioni della pandemia sulla salute mentale dei camici bianchi possano essere tuttora "persistenti".

I ricercatori hanno valutato anche la percezione di sicurezza che i medici vivevano sul luogo di lavoro, e anche in questo caso arriva dall'Italia il dato più rilevante: circa la metà di 162 camici bianchi interpellati sul tema non si sono trovati d'accordo con l'affermazione "il mio posto di lavoro mi sta fornendo i necessari Dpi, dispositivi di protezione individuale". Un dato che in dicembre è sceso, restando comunque intorno al 30%.

09/07/2021

Curated Tags