It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Gli esperti lo chiamano “Christmas blues” ed è caratterizzato da ansia, malinconia, senso di malessere, stanchezza psico-fisica, nervosismo, apatia, insonnia e disturbi della digestione. Si manifesta durante le feste natalizie e i soggetti più a rischio sono coloro che tendono a rimuginare sul passato o che fanno fatica ad adattarsi ai cambiamenti.

Depressione natalizia, come riconoscerla

La depressione natalizia, che porta con sé anche pensieri negativi e anedonia, ovvero l’incapacità, totale o parziale, di provare soddisfazione, appagamento o semplice interesse, per le consuete attività che più gratificano, quali il cibo, il sesso e le relazioni interpersonali, è la manifestazione di un disagio che diventa più acuto in questo particolare periodo dell’anno.

I festeggiamenti natalizi per alcuni possono comportare un particolare fattore di stress che va ad aggiungersi ad altro stress. Un’ansia da “prestazione” dovuta a vari motivi: riunioni familiari; aperitivi con colleghi, amici, genitori della scuola dei figli; regali da acquistare; pranzi e cene da organizzare; la preoccupazione di dover affrontare spese extra importanti, difficili da sostenere per problemi economici; diminuzione degli impegni lavorativi in favore del tempo trascorso in famiglia, con conseguente acutizzazione della sofferenza e del senso di solitudine in coloro che affrontano il dolore per un lutto, una separazione o un problema di salute o stanno attraversando un grande cambiamento (un trasferimento, un pensionamento, la perdita del lavoro). Ad aggravare il tutto la diminuzione delle ore di luce e della produzione di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, che possono ulteriormente incidere sullo stato di tristezza influenzando umore, ritmo sonno-veglia, sessualità e memoria. Affrontare la tristezza, però, è possibile nonostante il Natale 2021 sia ancora all’insegna della pandemia da Covid-19, che anche quest’anno peserà sulla socialità.

Come gestire il “Christmas blues”

Il Christmas blues è un vero e proprio “tour de force” psicologico oltre che fisico, in grado di smuovere emozioni impegnative da gestire. Ci si può sentire sopraffatti e obbligati a partecipare a un circolo vizioso di impegni e convenzioni sociali che provocano ansia, insonnia, crisi di pianto, desiderio di sottrarsi.

Per gestire al meglio questo stato psicologico di disagio – che colpisce le persone che già vivono l’inverno e i suoi cambiamenti climatici con malessere e apatia, mentre risparmia bambini ed anziani - la maggior parte degli psicologi consiglia di sforzarsi di tenere lontano dalla mente tutti i pensieri negativi legati al futuro. Meglio focalizzare la mente sugli aspetti più gioiosi e conviviali delle festività e mantenere la mente occupata nello svolgimento di attività come cucinare, mettere in ordine la casa, leggere, ascoltare musica. La routine, in tal caso, aiuta a sentirsi utili e vitali. Inoltre, il Natale potrebbe rappresentare l’occasione per scoprire nuove attitudini e passioni che, inevitabilmente, potranno portare positività nelle giornate trascorse in casa con amici e familiari. Ma è fondamentale evitare di fare dei bilanci esistenziali, tipici del periodo.

Per prima cosa gli esperti consigliano di rivolgersi a un professionista, in tutti i casi nei quali lo si ritenga utile. La consultazione di uno specialista può rivelarsi decisiva, in particolare quando il disturbo da depressione natalizia assume forme gravi o limitanti.

I consigli per un Natale sereno

Tra le strategie da adottare:

  • evitare di voler tenere sempre tutto sotto controllo;
  • organizzarsi per tempo, per non ritrovarsi coinvolti nell’estenuante “corsa ai regali” dell’ultimo minuto;
  • non accettare inviti agli appuntamenti con persone che provocheranno profondo malumore ma partecipare, invece, a eventi con persone gradevoli;
  • non forzarsi di apparire gioiosi per sentirsi “adeguati”, comporta un aumento dello stress;
  • parlare della propria depressione natalizia a persone fidate aiuta a lenire il senso di solitudine;
  • non rimuginare sul passato o sui problemi della vita;
  • staccare la spina dai social network;
  • godere delle ore di luce: una passeggiata di almeno un’ora all’aria aperta, se il clima lo permette, ha effetti positivi sul benessere psicofisico e aiuta a contrastare gli effetti del Christmas blues.

La diminuzione delle ore di luce e di conseguenza della produzione di serotonina, soprattutto nelle persone più a rischio di depressione, possono modificare il tono dell’umore, ma anche il ritmo sonno-veglia provocando difficoltà ad addormentarsi o frequenti risvegli durante la notte, diminuire la libido e influenzare negativamente la sessualità;

  • prendersi cura di sé: leggere, andare al cinema, ascoltare la musica preferita o suonare uno strumento musicale;
  • dedicarsi a progetti futuri;
  • programmare un viaggio;
  • concedersi del riposo;
  • vivere le feste natalizie non come una imposizione, ma come una scelta, da compiersi in modo coerente con i propri valori;
  • mantenere vivi i contatti con familiari e persone tramite videochiamate.