It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Sintomi

Il sintomo, nel linguaggio medico, è il fenomeno con cui compare e si manifesta una malattia ma per sua natura non è misurabile. La conoscenza dei sintomi consente allo specialista di formulare una diagnosi. I sintomi sono diversi fra loro. Ci sono i sintomi detti patognomonici, cioè caratteristici ed esclusivi di una determinata patologia o disturbo, quindi tali  da permettere una diagnosi certa. Non solo. I sintomi si dividono in  “obiettivi” (quando sono percepiti da un osservatore esterno) e in “soggettivi” (avvertiti solo dal paziente); “di sospetto”,  quando si limitano a indirizzare il ragionamento clinico verso

una o più diagnosi; “spontanei” se la loro insorgenza non richiede alcuna manovra, al contrario si definiscono “provocati”. Un sintomo comune a molte malattie è per esempio il dolore; altri esempi di sintomo sono l’astenia o i disturbi della sensibilità. Queste manifestazioni sono riferite dal paziente, ma il medico non ha la possibilità di verificarne la presenza o quantificarne l’intensità, può solo fare affidamento su ciò gli viene riferito. Nella gran parte dei casi si ha a che fare con sintomi funzionali, ovvero con sintomi legati al disturbo funzionale dell’organo interessato dalla patologia.

Fonte Adnkronos Salute