It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Esami

La diagnosi, in medicina, è una procedura necessaria per individuare un problema e successivamente mettere in atto delle soluzioni specifiche per risolverlo. La diagnosi, dunque, rappresenta il risultato di una complessa analisi di vari  elementi: la completa raccolta dell’anamnesi, il rilievo di segni e sintomi attraverso l’esame obiettivo. Tutto ciò presuppone la conoscenza della patologia, della clinica, oltre che dell’anatomia e della fisiologia. Tuttavia, per giungere a conclusioni diagnostiche, è indispensabile ricorrere a degli esami specifici, che sono dei veri e propri mezzi d’indagine: microscopici, chimici, microbiologici, immunologici, radioimmunologici, elettrodiagnostici, radiologici, scintigrafici, ecografici. Dopo l’anamnesi e l’esame obiettivo, il medico ha un  quadro completo sulle

possibili patologie. Per avere una diagnosi di certezza, però, ha bisogno di ulteriori esami che confermino una delle ipotesi diagnostiche: esami di laboratorio e/o di diagnostica per immagini. Se si sospetta una malattia polmonare il medico prescriverà una spirometria oppure  una rx torace; se si sospetta una patologia immunologica, prescriverà una prova allergica; nel caso lo specialista sia convinto che il paziente sia afflitto da un disturbo cardiaco prescriverà un elettrocardiogramma ed una ecografia cardiaca con colordoppler. Solo quando conoscerà i risultati degli esami, il medico potrà impostare una terapia adeguata, mirata e personalizzata.

Fonte Adnkronos Salute