It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La risonanza magnetica con mezzo di contrasto in vena è una tecnica diagnostica che si avvale di campi magnetici e onde radio per ottenere immagini dettagliate dell’interno del corpo, e che si effettua iniettando nel paziente una particolare sostanza paramagnetica (a base di gadolinio) che va a distribuirsi nei vasi e negli organi, mettendone in evidenza i tessuti.

Solitamente si ricorre al mezzo di contrasto per rilevare patologie neoplastiche o infiammatorie. A seconda di quale parte (o parti) del corpo bisogna analizzare, l’esame può durare da 20 a 60 minuti.

Come ci si prepara per l’esame?

Per effettuare una risonanza magnetica con mezzo di contrasto, bisogna attenersi alle seguenti norme:

- essere a digiuno da almeno sei ore;
- bere solo la quantità di acqua necessaria per assumere eventuali farmaci;
- portare i risultati dell’esame della creatininemia (funzionalità renale);
- portare gli esami radiologici precedenti e la richiesta medica con le indicazioni dell’esame.

Le reazioni allergiche ai mezzi di contrasto paramagnetici sono rare. Tuttavia, se il paziente ha qualche allergia è opportuno assumere farmaci antiallergici nei tre giorni precedenti l’esame. 

Curated Tags