It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Cosa è la Neurologia?

La Neurologia è la branca della medicina che  si occupa di studiare, diagnosticare e trattare i disturbi del sistema nervoso centrale e periferico. Questo ramo delle scienze biomediche comprende tutte le discipline relative al sistema nervoso, sia quelle di base (anatomia, biochimica, fisiologia, psicologia) sia quelle patologiche e cliniche. Il medico specialista è il neurologo. A lui spetta individuare e curare le patologie che interessano cervello, midollo spinale e nervi. Il neurologo, a differenza del neurochirurgo, non può intervenire chirurgicamente.

Sintomi dei disturbi neurologici
 

I sintomi di disturbi neurologici variano notevolmente, dal momento che il sistema nervoso controlla molte funzioni  del corpo diverse. Sicuramente includono varie forme di dolore, compresi cefalea, dolore al collo e mal di schiena, debolezza muscolare, spasmi muscolari,  tremore, perdita di coordinazione, vertigini, sensazioni anormali nella pelle e problemi di vista, tatto, olfatto e udito. Le malattie neurologiche possono interferire con il sonno, rendendo le persone ansiose o eccitate prima di addormentarsi e, di conseguenza, stanche e assonnate durante il giorno. Le “spie” che qualcosa non funzioni sono numerose: si va dai sintomi minori (es. formicolio) a quelli potenzialmente letali (coma in seguito a un ictus).

Quali le malattie neurologiche più comuni ?

Le malattie del cervello costituiscono ormai la condizione patologica più diffusa nei Paesi occidentali. Secondo l’Oms colpiscono un miliardo di persone nel mondo. Il loro aumento è dovuto in parte all'invecchiamento della popolazione e alla mancanza di trattamenti terapeutici risolutivi e in parte alla scarsa efficacia di misure preventive. Le malattie più diffuse sono: emicrania, cefalee, epilessia, disturbi del linguaggio, disturbi del movimento, disturbi del sonno, encefalite, meningite, Alzheimer, Parkinson, sclerosi laterale amiotrofica, sclerosi multipla, ictus, demenza, malattie infiammatorie e autoimmuni.

L’emicrania

è una forma di mal di testa episodica o ricorrente. Appartiene alla famiglia delle cefalee e quando compare produce dolore intenso, pulsante, inabilitante che peggiora con il movimento. Può manifestarsi con o senz'aura. L'aura è un sintomo che precede o si associa all'attacco emicranico ed è caratterizzato da improvvisi lampi di luce. Il paziente avverte dei flash, annebbiamenti ad uno o ad entrambi gli occhi, formicolio agli arti, rigidità del collo, difficoltà nel linguaggio. Predisposizione genetica, fattori ormonali, alcuni alimenti o bevande,  stress, disturbi del sonno, uso di taluni farmaci giocano un ruolo fondamentale. L’emicrania cronica, che colpisce nel mondo una persona su dieci, è ritenuta la seconda causa di disabilità per il forte impatto che ha su chi ne è affetto.

La cefalea

è un dolore che interessa testa, cuoio capelluto, collo,  viso e l’interno del cranio. Per questo motivo per molti è un disturbo cronico e invalidante. Le cefalee sono di due tipi: cefalee primarie (non causate da un altro disturbo) e Cefalee secondarie (causate da un altro disturbo).  I disturbi della cefalea primaria comprendono  emicrania, cefalea a grappolo e cefalea muscolo-tensiva. Le cefalee secondarie possono derivare da disturbi a cervello, occhi, naso, gola, seni nasali, denti, mascelle, orecchie o nuca o da un disturbo diffuso in tutto il corpo.

L’epilessia

è una  patologia del sistema nervoso centrale. Quando compare tale disturbo, l'attività delle cellule nervose nel cervello si interrompe causando convulsioni e talvolta perdita di coscienza. Durante la crisi epilettica i pazienti si fissano a guardare un punto per alcuni secondi, mentre altri arrivano a contrarre ripetutamente braccia e gambe. Anche le crisi lievi necessitano di essere trattate, perché possono risultare pericolose durante la guida o il nuoto. Il trattamento, a base di farmaci e/o interventi chirurgici, è in grado di tenere sotto controllo la condizione nell'80% dei casi.

L’encefalite

è un’infiammazione del cervello, generalmente causata  da virus, batteri o parassiti, che provoca sintomi simili all’influenza ma che però che può avere conseguenze ben più serie. I soggetti più a rischio sono gli anziani perché hanno un sistema immunitario fragile, mentre negli adulti tra i 20 e i 40 anni può fare la sua comparsa l’encefalite collegata all’Herpes simplex.  Le forme leggere si sconfiggono in poco tempo e senza lasciare conseguenze. Nei casi più seri, invece, la situazione può aggravarsi fino a un arresto respiratorio, al coma e, infine, condurre alla morte. Quando l’infezione concerne direttamente il cervello di ha un’encefalite primaria. Se, invece, l’encefalite è la conseguenza di un’infezione in un’altra zona del corpo si ha un’encefalite secondaria. Mal di testa, febbre, dolori muscolari e articolari, fatica e debolezza i sintomi tipici dell’encefalite. Nelle forme più gravi fanno la loro comparsa anche agitazione, mutamenti di personalità, stato confusionale, attacchi epilettici, perdita di sensibilità , debolezza muscolare, allucinazione, vista sdoppiata, difficoltà nel linguaggio, problemi a deglutire, nausea e vomito.  

La meningite

è un'infiammazione acuta delle meningi, le membrane di rivestimento che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Questa patologia, no particolarmente contagiosa,  può essere causata da virus, batteri o funghi. La forma causata da virus è la pi frequente ma anche la  meno grave. Più rara, ma dalle conseguenze anche fatali, è la meningite batterica. La meningite può colpire a qualunque età ma i soggetti più a rischio restano i neonati , i bambini nei primi anni di vita, anziani e malati.  L'infezione viene trasmessa attraverso le goccioline di saliva che possono essere disperse tramite starnuti, colpi di tosse o mentre si parla. I sintomi più frequenti sono: febbre alta, convulsioni, nausea, vomito, mal di testa, rigidità del collo e sonnolenza.

L’Alzheimer

è la causa più comune di demenza nella popolazione anziana dei Paesi sviluppati e  riguarda 40 milioni di persone nel mondo. Questa malattia è caratterizzata da un processo degenerativo progressivo che distrugge le cellule del cervello, causando un deterioramento irreversibile delle funzioni cognitive (memoria, ragionamento, linguaggio). Le persone cominciano a dimenticare alcune cose, per arrivare al punto in cui non riescono più a riconoscere nemmeno i familiari e hanno bisogno di aiuto anche per le attività quotidiane più semplici. La demenza di Alzheimer oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni e in Italia si stimano circa 500mila ammalati (dati Istituto Superiore Sanità).  Oltre alla perdita di memoria e di autonomia, tra i sintomi più evidenti troviamo difficoltà a parlare, impoverimento del linguaggio, disorientamento spaziale e temporale.

Il Parkinson 

è una malattia neurodegenerativa, cronica, lentamente progressiva, che coinvolge le funzioni motorie, vegetative, comportamentali e cognitive. Dopo l’Alzheimer, quella di Parkinson è la patologia  neurodegenerativa più diffusa al mondo, sei milioni le persone affette. Il più frequente dei “disordini del movimento” è causato da un insieme di fattori: ereditarietà, lesioni cerebrali, infezioni, neurotossine endogene, esposizione a sostanze tossiche (pesticidi, idrocarburi, solventi, metalli pesanti), componenti ambientali e alterate pressioni geniche. I principali sintomi della malattia di Parkinson sono: tremore a riposo; rigidità, lentezza dei movimenti e perdita di equilibrio.

La Sclerosi laterale amiotrofica

è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale in grado di regolare l'attività di contrazione dei muscoli volontari. La morte di queste cellule avviene gradualmente, fino ad arrivare ad una progressiva paralisi di tutti i muscoli volontari.  Oggi sono circa 5.000 i malati in Italia, con una lieve preponderanza nel sesso maschile, di età compresa fra i 40 e i 70 anni (anche se non mancano casi di soggetti di 20 anni affetti dalla malattia).  Non si conoscono le cause ma tra i fattori riconosciuti come coinvolti nello sviluppo della patologia ci sono: eccesso di glutammato (aminoacido usato dalle cellule nervose come segnale chimico), predisposizione genetica,  esposizione a sostanze tossiche come alluminio, mercurio o piombo e ad erbicidi e insetticidi.

 

Cerca e consulta i contenuti relativi a questa area terapeutica

NEUROLOGIA - FOTO AREA TERAPEUTICA

Cosa può influenzare il nostro sistema nervoso?

Il sistema nervoso  è suscettibile a malattie e lesioni, Le cellule nervose possono degenerare, causando ad esempio  la malattia di Alzheimer, la malattia di Huntington o il morbo di Parkinson. I batteri o i virus possono infettare l’encefalo o il midollo spinale, provocando encefalite o meningite. Le lesioni o i tumori possono causare danni strutturali all’encefalo o al midollo spinale, mentre un ostacolo all’apporto di sangue all’encefalo può portare all’ictus.

I fattori di rischio

Alcune malattie neurologiche sono prevenibili agendo su fattori di rischio quali l'ipertensione, il diabete, l'obesità, il fumo, l’ipercolesterolemia, la fibrillazione atriale e i disturbi del sonno.