It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Si sente spesso parlare di burnout come di una forma molto intensa di stress da lavoro, ma qual è la sua definizione precisa e come è possibile riconoscerlo e gestirlo al meglio?

Burnout: cos’è

Il termine inglese burnout significa letteralmente bruciato, esaurito, scoppiato e va a indicare una sindrome da stress lavorativo cronico o da stress lavoro-correlato. Dal 2019, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha inserito il burnout all’interno dei “fattori che influenzano la salute”, specificando appunto che si tratta di una vera e propria sindrome e che, per essere diagnosticata, deve interessare solo l’ambiente lavorativo.

Questa condizione è stata descritta già a partire degli anni settanta, quando, però, veniva limitata alle cosiddette "helping professions", cioè a figure professionali di tipo assistenziale o deputate alla sicurezza pubblica, come medici, infermieri, assistenti sociali, insegnanti e forze dell’ordine.

Con il passare del tempo, si è appurato che a soffrire di burnout possono essere persone occupate anche in altri settori e si è esteso l’ambito di incidenza a tutti i lavoratori che hanno un contatto frequente con il pubblico, comprendendo quindi, per esempio, anche avvocati, ristoratori, impiegati delle poste e in segreterie.

Cause

La sindrome del burnout si sviluppa più facilmente in contesti dove viene richiesta particolare dedizione al lavoro e dove sono posti obiettivi troppo elevati. Inoltre, quando non è riconosciuto l’aspetto umano del lavoro, il rischio di burnout aumenta.

Fra le cause più frequenti rientrano:

La pandemia ha reso ancora più probabile il manifestarsi del burnout, anche per le dinamiche nuove e indefinite dello smart working, caratterizzato spesso dall'assenza di un chiaro orario e dall'impressione di non riuscire mai a smettere di lavorare.

Sintomi del burnout

I sintomi più comuni della sindrome da burnout sono:

  • mancanza di energia;
  • sensazione di distacco mentale o di cinismo nei confronti del proprio lavoro;
  • peggioramento delle prestazioni professionali.

Il burnout non è di solito un fenomeno improvviso, ma si manifesta in maniera graduale, spesso senza che il soggetto se ne renda conto. Primi campanelli d’allarme possono essere:

  • insonnia;
  • mal di testa;
  • inappetenza;
  • mal di stomaco;
  • irritabilità;
  • senso di frustrazione e fallimento;
  • scarsa motivazione al lavoro.

Effetti del burnout

Con il peggiorare della situazione, il soggetto finisce per dimostrare sempre più insofferenza nei confronti dell’ambiente lavorativo, dei colleghi e dei superiori, oltre che crescente difficoltà a svolgere le proprie mansioni. Questa sindrome determina in molti casi forme di dipendenza da alcol, farmaci o cibo e fenomeni di autolesionismo, ansia, isolamento, depressione e crisi di panico.

Come affrontare la sindrome da burnout

La cura per questa sindrome è l’introduzione di un cambiamento radicale nella propria vita professionale in concomitanza, se necessario, con un periodo di psicoterapia.
Se i sintomi vengono intercettati precocemente, può bastare adottare uno stile di vita equilibrato, per quanto riguarda, ad esempio, il ciclo sonno/veglia e l’alimentazione, e investire sulla socialità al di fuori dal contesto lavorativo. Sul posto di lavoro, è importante imparare a comunicare in maniera chiara e a delegare, quando il carico di mansioni risulta eccessivo.

A livello di prevenzione, è importante che in ambito lavorativo vengano promossi valori positivi, favorendo l’impegno, il coinvolgimento e l’autonomia, anche grazie ad una organizzazione efficace e coerente delle attività. 

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica