It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Studio Oms: “Troppo lavoro aumenta rischi ictus e morte”

Lavorare troppo, anche più di 55 ore a settimana aumenta il rischio ictus  e di morte, rispettivamente del  35% e del 17%, rispetto alle 35-40 ore di lavoro a settimana. L'allarme arriva dall'Oms e dall'Organizzazione internazionale del lavoro (Oil), che hanno prodotto una ricerca pubblicata su 'Environment International'. Nel 2016, rilevano le due organizzazioni, 398mila persone sono morte per ictus e 347mila per una malattia cardiaca dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati è aumentato del 42%, dato che si attesta al 19% per gli ictus.

Maggiormente colpiti sono stati gli uomini (il 72% dei decessi riguarda i maschi), le persone che vivono nella regione del Pacifico occidentale e nel Sud-Est asiatico e i lavoratori di mezza età o più anziani. La maggior parte dei decessi registrati riguardavano persona di età compresa tra 60 e 79 anni che avevano lavorato almeno 55 ore a settimana quando avevano tra i 45 e i 74 anni. Il numero di persone che lavorano con orari di lavoro prolungati, sottolineano Oms e Oil, è in aumento e rappresenta attualmente il 9% del totale della popolazione mondiale: questo trend espone ancora più persone a un rischio di handicap o di decesso prematuro legato al lavoro.

Questa analisi, evidenziano le due organizzazioni internazionali, arriva mentre la pandemia del Covid-19 ha evidenziato l’importanza della gestione del tempo di lavoro e ha favorito le condizioni che possono determinare un aumento dell'orario di lavoro."La pandemia - commenta il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus - ha considerevolmente cambiato il modo in cui molte persone lavorano. Il telelavoro è diventato una norma in numerosi settori di attività facendo 'scomparire' i confini tra casa e lavoro. D'altronde, numerose aziende sono state costrette a ridurre o interrompere le loro attività per risparmiare soldi e le persone che continuano a lavorare finiscono per avere un orario di lavoro prolungato".

"Nessun lavoro vale la pena di un rischio di ictus o di una malattia cardiaca - avverte il Dg Oms - I governi, i datori di lavoro e i lavoratori devono collaborare per mettere a punto dei limiti che proteggano la salute dei lavoratori". Lavorare 55 ore o oltre a settimana, commenta Maria Neira, direttore del Dipartimento Ambiente e Salute all'Oil, "rappresenta un grave pericolo per la salute. È arrivato il momento che i governi, i datori di lavoro e i dipendenti ammettano che orari di lavoro prolungato possono provocare decessi prematuri". 

27/05/2021

Curated Tags