It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Che cos'è l'urologia?

Una specialità per entrambi i sessi

L'urologia si occupa di diversi organi e strutture: reni, ureteri, vescica e uretra. È in grado di diagnosticare patologie e approntare terapie mediche e chirurgiche. L'urologo si occupa di pazienti di entrambi i sessi, tuttavia nei maschi si occupa anche degli organi sessuali: prostata, pene, testicoli e loro annessi (epididimi, dotti deferenti e vescicole seminali). Tipicamente il paziente si rivolge a un urologo quando si manifestano sintomi quali bruciore o difficoltà a urinare, perdite di urina e patologie sessuali maschili quali il deficit erettile.

In cosa consiste la visita urologica

Dopo una fase di raccolta delle informazioni sulla storia del paziente, sui suoi stili di vita e su eventuali patologie pregresse, il paziente è sottoposto all'esame obiettivo che è diverso in funzione del sesso. Nei maschi l'urologo indaga il basso addome ed esamina i genitali esterni con una palpazione del pene e dei testicoli. Nel corso della visita può essere effettuata una palpazione della prostata inserendo un dito nel retto. Nelle donne l'esame obiettivo valuta invece l'aspetto degli organi urogenitali alla ricerca ad esempio di prolassi della vescica o dell'utero. Spesso alle donne l'urologo suggerisce un'ecografia del basso addome.

Quali sono le patologie urologiche più diffuse?

L'urologo si occupa di infezioni urinarie, di incontinenza urinaria, di cistocele (il prolasso della vescica), di tumori a carico degli organi urinari (vescica, reni, testicoli, prostata in particolare), di ipertrofia prostatica benigna, di prostatiti, di patologie peniene come la malattia di Peyronie, che ne colpisce i corpi cavernosi, e di varicocele. È di interesse urologico anche il deficit erettile.

Cerca e consulta i contenuti relativi a questa area terapeutica

Urologia

Le subspecialità

All'interno dell'urologia esistono diverse subspecialità, come quella pediatrica: all'urologo pediatrico i genitori si rivolgono spesso per patologie che interessano i bambini già alla nascita, quali l'ipospadia e il criptorchidismo. L'urologia oncologica è invece specializzata nelle patologie tumorali e nella loro terapia, anche chirurgica. Un urologo specializzato in endourologia si occupa invece di diagnostica e chirurgia endoscopica delle malattie dell'apparato urinario.

Cos'è la cistoscopia
 

La cistoscopia è un esame endoscopico che permette la visualizzazione diretta di uretra e vescica per mezzo di uno strumento a fibre ottiche che, nel corso dell’esame, è inserito fino a quest'ultima. È utile all'individuazione di lesioni, come i polipi.

Gli esami più utili
 

Nel corso di una visita, l'urologo può prescrivere esami diversi: sangue e urine, ma anche indagini strumentali quali ecografie dell'apparato urogenitale e, negli uomini, l'uroflussimetria. Quest'ultima è utile nei pazienti che manifestano sintomi compatibili con l'ipertrofia prostatica benigna.

Infezioni delle vie urinarie

Pielonefriti, ureteriti, cistiti e uretriti sono le quattro forme di infezioni delle vie urinarie che colpiscono rispettivamente reni, ureteri, vescica e uretra. Le donne sono più colpite degli uomini: il loro rischio di contrarle nel corso della vita è del 50 per cento. In molti casi sono recidivanti.