It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

15_PED_Piccole dimenticanze quotidiane non solo Alzheimer

A tutti capita di dimenticarsi qualcosa: da un nome al pin del bancomat. Questi vuoti di memoria tendono ad innescare la paura di essere affetti da qualche grave malattia, dando vita a volte a timori errati e ingiustificati.

Un articolo pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease analizza questa tematica distinguendo i casi e le possibili motivazioni relative a problematiche di memoria, giungendo alla conclusione che questi episodi non sono sempre riconducibili all'Alzheimer o ad altre patologie neurodegenerative, che è il primo pensiero a livello istintivo per molti, ma possono nascondere nessi inaspettati con malattie di tutt'altro ambito. Inoltre, viene spiegato che spesso non è rintracciabile nessun effettivo collegamento ad eventuali patologie. 

Problemi di memoria: tra aspettative esagerate e problematiche psicologiche

Uno studio olandese realizzato su circa duemila soggetti sani ha infatti riscontrato tassi molto alti di persone che si lamentano della propria memoria, e non solo in fasce di età avanzate: fino al 29% fra i 25 e i 35 anni, per salire al 34% fra i 40 e i 50 anni.

In diversi casi in realtà le preoccupazioni nascono da aspettative esagerate nei confronti delle proprie prestazioni mnemoniche, dovute probabilmente alle richieste sempre più elevate di impegno cognitivo che l’organizzazione sociale e lavorativa pretende. Questa maggiore pressione tende ad innescare paure eccessive nei confronti di mancanze del tutto normali e fisiologiche.

In altre situazioni si possono riscontrare effettivi fenomeni di difficoltà a ricordare piccoli dettagli relativi alla propria vita o a quella dei propri familiari, come per esempio password o eventi passati. Se queste dimenticanze sono episodiche e non generalizzate, e non tendono a peggiorare, non sono da attribuire a specifici disturbi e quindi, anche in questo caso, non siamo davanti a nessun campanello d’allarme.

Un discorso diverso vale invece per fattori che sono in grado di determinare perdite di memoria e difficoltà di concentrazione, come disturbi ansiosi o depressivi: i problemi mnemonici possono essere superati una volta che i fenomeni psicologici sono stati correttamente trattati. Altri elementi che possono incidere sulle prestazioni della memoria sono l’età avanzata e l’assunzione di alcuni farmaci.

Dimenticanze e patologie non neurologiche

Infine, è da sottolineare la connessione fra problematiche di memoria e patologie estranee all’ambito neurologico come la sindrome da fatica cronica, la fibromialgia e la sindrome da intestino irritabile. Risulta quindi sempre importante in fase diagnostica delineare un quadro completo della sintomatologia, indagando in maniera articolata ed esaustiva tutti i disturbi che il paziente avverte in modo da poter intervenire in maniera efficace ed appropriata.mal

Piccole dimenticanze quotidiane: scopri le possibili cause

Uno studio analizza diverse possibili cause per il fenomeno molto diffuso delle piccole perdite di memoria, spesso non riconducibili a malattie neurodegenerative.