It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La risonanza magnetica per la diagnosi di patologie oncologiche è un metodo diagnostico non invasivo che mira ad acquisire immagini ad alta definizione del corpo umano nel suo interno, ed è impiegata per rilevare alcuni tipi di tumore, stabilirne la stadiazione e valutare la risposta ad eventuali cure.

Per ottenere le immagini, la risonanza magnetica sfrutta l’energia dei campi magnetici e le fonti di radiofrequenza; è quindi innocua per l’organismo umano ed è ripetibile anche a distanza di poco tempo.

Come ci si prepara per l’esame?

Prima di sottoporsi a una risonanza magnetica non è necessario stare a digiuno o rispettare una dieta specifica. È bene sapere, però, che indossare protesi metalliche, pace-maker o clips vascolari non compatibili potrebbe rendere impossibile l’indagine.

In che consiste?

Al paziente viene chiesto di rimuovere qualsiasi oggetto o indumento con parti metalliche, oltre a lenti a contatto e apparecchi acustici, e di distendersi su un lettino che, scorrendo all’interno della macchina a forma di tubo, si posiziona tra i poli del magnete. Basta rimanere rilassati e perfettamente immobili, ed eventualmente avvertire il personale medico in caso si avverta un calore eccessivo in alcune parti del corpo. Per sopportare i forti rumori prodotti dalla macchina durante il funzionamento, al paziente vengono forniti dei tappi per le orecchie. L’esame può durare da 20 a 40 minuti.

Curated Tags