It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La mammografia è un esame di screening molto importante per la diagnosi precoce del tumore al seno, poiché consente di individuare formazioni anomale anche molto piccole. Viene eseguito utilizzando radiazioni ionizzanti a basso dosaggio, grazie alle quali è possibile esaminare la morfologia della mammella e rilevare lesioni di origine tumorale.

Dopo i 40 anni, si consiglia di sottoporsi a questo esame con cadenza regolare, generalmente ogni due anni. Nei casi di seni che presentano un’elevata densità fibro-ghiandolare, o in caso di familiarità con il tumore mammario, è preferibile controllarsi ogni anno. A volte, per completare la diagnosi, è necessario accompagnare alla mammografia anche l’ecografia mammaria.  

In che consiste l’esame?

Per eseguire una mammografia si utilizza il mammografo, uno strumento radiologico che proietta raggi X direttamente sulla mammella. Essa viene posizionata su un piano e compressa con una piastra, che serve per tenerla perfettamente ferma e acquisire immagini quanto più precise. L’esame dura pochi minuti.

La mammografia con tomosintesi, sempre più diffusa, è particolarmente indicata per le pazienti con seno denso poiché consente un’analisi stratigrafica e più completa rispetto alla mammografia tradizionale, andando a scovare anche le lesioni mascherate dal tessuto ghiandolare.

Come ci si prepara per la mammografia?

È consigliabile sottoporsi a questo tipo di esame fuori dal periodo ovulatorio, quindi tra il quinto e il dodicesimo giorno dall’inizio della mestruazione, quando il seno è meno teso e dolente. Per il resto, non è necessario alcun tipo di preparazione.

Curated Tags