It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La radiografia, o esame radiologico, è un’indagine che sfrutta i raggi X per ottenere immagini dell’interno del corpo umano (ossa e alcuni organi), che vengono impresse su una lastra. Il fascio di raggi X penetra l’organismo e viene assorbito in modo diverso dalle singole parti anatomiche che incontra. L’immagine che ne risulta è in negativo: poiché i tessuti molli vengono attraversati più facilmente dalle radiazioni, essi appariranno più scuri rispetto alle ossa, che invece risultano più chiare.

Sebbene la dose di radiazioni ionizzanti emessa sia bassa, è un tipo di indagine che va effettuata solo se strettamente necessario, specialmente in gravidanza, poiché potenzialmente dannosa per i tessuti biologici.

In quali casi si prescrive?

La radiografia permette di esaminare traumi, lesioni e alterazioni da artrite o artrosi. In particolare, la radiografia al torace viene prescritta per individuare broncopolmoniti, pleuriti, lesioni polmonari; la radiografia all’addome serve invece per studiare calcoli, perforazioni, infiammazioni, problematiche intestinali. L’esame radiologico è molto utilizzato anche dal dentista, che lo effettua per pianificare interventi come impianti, apparecchi e dentiere, e per individuare eventuali problematiche del cavo orale (fratture, cisti, infezioni, tumori).

Come ci si prepara?

Non esistono norme di preparazione specifiche per una radiografia. Solo per la radiografia all’addome è richiesto il digiuno da almeno sei ore. Prima di sottoporsi al fascio di radiazioni, il paziente deve rimuovere da dosso qualsiasi oggetto o indumento contenente metallo.

Curated Tags