It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Per stitichezza (stipsi) si intende la difficoltà o infrequenza nell’espletamento della funzione intestinale. Le feci si accumulano nell’intestino e si induriscono poiché quest’ultimo ne assorbe tutta l’acqua; ciò rende le feci ancora più difficili da evacuare. Il disturbo può essere acuto o cronico: nel primo caso compare all’improvviso e si risolve in breve tempo, nel secondo può insorgere gradualmente e persistere per mesi o anni.

Quello della stitichezza è un problema molto frequente che interessa circa il 15% della popolazione, in genere affligge più le donne rispetto agli uomini e aumenta con l'avanzare dell'età. I continui sforzi per defecare possono provocare non solo un rialzo della pressione sanguigna ma anche irritazioni e il prolasso delle emorroidi.

Quali malattie si possono associare alla stitichezza?

In genere cambiare alimentazione aiuta a risolvere i problemi di stitichezza, in particolare mangiare più frutta e verdura e bere molta acqua per favorire la motilità intestinale; anche l’esercizio fisico stimola l’attività dell’intestino, perciò è raccomandato.

Tuttavia la stipsi può essere anche la manifestazione di una patologia più seria, come:

  • diverticolite;
  • prolasso rettale;
  • ragadi anali;
  • fecaloma;
  • tenesmo rettale;
  • tumore del colon-retto;
  • tumore dell’intestino;
  • tumore dell’ano.

Quando rivolgersi al medico?

Generalmente la stitichezza è una condizione benigna, ma se compare improvvisamente in persone adulte con una familiarità di tumori intestinali, se c'è presenza di sangue nelle feci, se si perde peso e si diventa anemici, bisogna rivolgersi al medico curante.

Curated Tags