It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’orticaria è una forma di eruzione cutanea che si manifesta con la comparsa di pomfi - chiazze rosse in rilievo - che si accompagnano o meno ad angioedema (le zone particolarmente interessate sono volto, labbra e palpebre) e gonfiore. I pomfi possono variare per numero, forma, estensione e distribuzione. Il sintomo principale dell’orticaria è il prurito, che spesso esordisce con una sensazione di bruciore che precede la comparsa dei pomfi e si fa più inteso alla sera e durante la notte. Possono manifestarsi anche altri sintomi, tra i quali stanchezza, cefalea, dolori articolari, dolori addominali e nausea.

Tre le forme di orticaria: acuta, cronica e orticaria spontanea cronica.

L’orticaria acuta è spesso provocata da reazioni allergiche, in particolare da farmaci e alimenti anche se le cause scatenanti sono diverse. In tal caso l’eruzione ha un decorso inferiore alle 6 settimane.

L’orticaria cronica  dal punto di vista clinico è molto simile alla forma acuta ma di rado è di natura allergica. Anche in tal caso i fattori scatenanti sono molteplici ma non sempre di facili da individuare. 

L’orticaria spontanea cronica (CSU) è una patologia endogena, i sintomi insorgono spontaneamente senza che sia possibile individuare uno specifico fattore scatenante esterno, come può essere il polline o un alimento nell’allergia.

Non a caso viene definita una malattia complessa a causa della sua natura idiopatica, poiché non necessariamente legata a specifiche cause che ne scatenino le manifestazioni cutanee, che rende difficile, nella maggior parte dei casi, individuare il “colpevole”. Tale disturbo è caratterizzato dalla presenza di pomfi di diametro variabile con o senza angioedema. Il picco di incidenza è tra i 20 e 40 anni e la prevalenza stimata tra 0,5% e 1%, più frequente tra le donne. Tra i fattori di rischio: ansia, obesità, disordini di tipo psichiatrico, tumori maligni. Le cause scatenanti: infezioni batteriche, virali o parassitarie, allergie o intolleranze alimentari.

Cosa può provocare l’orticaria?

Tra i possibili fattori responsabili dell’orticaria:

  • farmaci;
  • additivi alimentari:
  • alcuni alimenti (latte, uova, crostacei, frutta secca);
  • sostanze chimiche;
  • infezioni virali;
  • puntura d’insetti;
  • malattie autoimmuni;
  • infezioni parassitarie.
  • infezioni batteriche;

Nell’orticaria cronica spontanea, invece,  le manifestazioni compaiono senza causa apparente.

Come diagnosticare l’orticaria cronica spontanea

Tra gli esami da eseguire, è necessario sottoporsi al test specifico cutaneo con il prick test o un test sierologico di radioallergosorbenza (RAST) e infine, se possibile, un test di provocazione con il sospetto allergene controllato con placebo.

Il prick test è lo strumento essenziale per la diagnosi delle reazioni da ipersensibilità immediate. Viene eseguito a livello ambulatoriale, in pochi minuti, assolutamente non invasivo e indolore. Il RAST test è un esame di laboratorio che misura nel sangue venoso (è necessario un prelievo) il livello delle IgE specifiche, prodotte verso una particolare sostanza (allergene).

Curated Tags