It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La presenza di sangue delle feci può essere la spia di un'emorragia in un tratto del tubo digerente, in modo particolare dall'intestino tenue fino all'ano. Il sangue può essere visibile a occhio nudo (manifesto) oppure essere riscontrabile solo attraverso specifici esami delle feci (occulto) perché presente in quantità minima.

Il fenomeno può essere spia di patologie o disturbi di diversa gravità, anche in funzione dall’area di tubo digerente interessata, dall’età e dalle condizioni generali del paziente.

Tra le possibili cause ci sono:

  • polipi o tumori del colon;
  • diverticolite;
  • emorroidi;
  • ragadi anali;
  • proctiti;
  • fistole;
  • diverse infezioni acute;
  • rettocolite ulcerosa;
  • presenza di corpi estranei.

Quando rivolgersi subito al medico

In presenza di sangue nelle feci è sempre bene sentire il parere del medico: in alcuni casi il problema potrebbe essere di poca importanza, in altri potrebbe essere più serio e richiedere un intervento tempestivo. Occorre in particolare rivolgersi con urgenza al medico o al pronto soccorso quando le perdite di sangue sono consistenti o frequenti oppure quando sono presenti altri sintomi quali:

  • perdita di peso;
  • febbre;
  • vomito;
  • diarrea;
  • svenimenti;
  • abbondante sudorazione;
  • tachicardia;
  • calo importante della pressione sanguigna (ipotensione);
  • mani e piedi freddi;
  • stato confusionale o sonnolenza.
Curated Tags