It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Il dolore al seno, o mastalgia, è un sintomo molto comune per lo più associabile a cambiamenti ormonali come quelli legati al ciclo mestruale, la menopausa, la gravidanza e l’allattamento. Tale disturbo è avvertito da una donna su due, secondo le stime della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori). In alcuni casi è causato dalla presenza di cisti che si riscontrano  nelle mammella di donne tra i 35 e i 50 anni.

Può presentarsi sotto forma di dolore forte, pesantezza o bruciore.

Perché il seno fa male?

Le cause principali del dolore al seno includono:

  • sindrome pre-mestruale;
  • seno fibrocistico;
  • stato di gravidanza;
  • mastite e ascessi mammari;
  • stiramento di un muscolo del petto;
  • problemi dovuti all’allattamento;
  • tumore al seno.

La tensione al seno, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, può essere provocata anche dall’assunzione di alcuni farmaci quali contraccettivi, antidepressivi e antipsicotici.

Quando è opportuno consultare un medico?

Per lenire il dolore si possono assumere degli antinfiammatori, indossare un reggiseno specifico  o applicare del ghiaccio sul petto. In caso di dolore persistente accompagnato da perdite chiare o di sangue dal capezzolo, febbre o arrossamenti, oppure se autopalpandosi si avvertono dei noduli, è necessario rivolgersi al proprio medico.

Curated Tags