It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Contro tumore e malattie croniche: 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Lo studio

La prevenzione del cancro e la salute di cuore e polmoni si possono ottenere con 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, in particolare con zucchine, rucola, finocchi. È il risultato di una ricerca americana appena pubblicata su 'Circulation' realizzata dal Dipartimento di Nutrizione della Harvard Medical School di Boston.

Gli autori hanno analizzato i dati di altri due studi, il Nurses' Health Study e l'Health Professionals Follow-up Study, per un totale di oltre 100mila adulti seguiti fino a 30 anni. Sono stati raccolti e analizzati i risultati di altre 26 ricerche effettuate su quasi 2 milioni di soggetti di 29 Paesi.

Ecco il mix ideale. “I lavori suggeriscono che negli adulti che mangiano 5 porzioni al giorno tra frutta e vegetali, rispetto a quelli che ne mangiano 2, il rischio di mortalità, sia generale che per cause cardiovascolari o per tumore, si riduce in percentuali variabili dal 10% al 13%. La riduzione di mortalità per cause polmonari arriva addirittura al 35% - racconta su 'Il Messaggero' Antonio G. Rebuzzi, docente di Cardiologia all'Università Cattolica Roma -. La migliore accoppiata sarebbe due porzioni di frutta e tre di vegetali. I ricercatori, comunque, ricordano che aumentare le porzioni oltre le 5 giornaliere non conferisce alcun vantaggio in termini di sopravvivenza".

"Questa quantità probabilmente offre il massimo beneficio in termini di prevenzione delle principali malattie croniche ed è un obiettivo relativamente raggiungibile per tutti - sottolinea Dong D. Wang, coordinatore del gruppo di ricerca americano - Abbiamo anche scoperto che non tutta la frutta e la verdura offre lo stesso beneficio, anche se le attuali raccomandazioni dietetiche generalmente non fanno differenze. Per esempio, le verdure amidacee, come piselli e mais, i succhi di frutta e le patate non si associano a un rischio ridotto di morte per tutte le cause o per malattie croniche specifiche".

"Probabilmente a causa di un alto carico glicemico per alcuni o di un processo di conservazione alimentare che ridurrebbe il loro potere antiossidante per altri", osserva Rebuzzi. "In particolare - continua lo specialista della Cattolica - per il rischio cardiovascolare si sa che frutta e verdura sono tra le maggiori fonti di potassio. E il potassio, o più propriamente un alto rapporto potassio/sodio, si associa a un abbassamento della pressione arteriosa. In aggiunta altre sostanze presenti in frutta e vegetali come il magnesio, le fibre e i polifenoli possono agire insieme nel ritardare la progressione dell'arteriosclerosi, nel ridurre l'aggregazione piastrinica e anche nel modulare il profilo lipidico, contribuendo quindi a ridurre la pressione. Non bisogna inoltre dimenticare che le fibre sono un importante lubrificante intestinale. E la salute dell'intestino è associata allo stato del microbiota, che si è visto recentemente essere coinvolto nei processi immunitari e nel metabolismo di vari organi interni, tra cui polmoni e sistema cardiovascolare".

"L'ideale, dunque, sarebbero tre porzioni di verdura (meglio fresca) sia a pranzo che a cena. Vanno bene spinaci, radicchio rosso, funghi, zucchine, rucola, finocchi, mentre è da preferire la frutta fuori dai pasti come ad esempio kiwi, mandarini, albicocche, ciliegie, mele, ananas, con l'eccezione dei frutti troppo zuccherini (uva, fichi) per chi è in sovrappeso o diabetico", conclude Rebuzzi.

05/05/2021

Curated Tags