It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Presentato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato l’ottavo Osservatorio civico sul federalismo in sanità

Coronavirus ricoveri e terapie intensive regioni a macchia di leopardo

Regioni, come di consueto, a 'macchia di leopardo' fra ricoveri sospesi, posti letto mancanti in terapia intensiva e medici ed infermieri insufficienti, alle prese con la pandemia di Covid-19. E' la fotografia che emerge dall’Osservatorio civico sul federalismo in sanità, giunto alla sua ottava edizione, presentato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato nel corso di un webmeeting. "La seconda ondata di emergenza Covid-19 non solo non ha consentito di recuperare le prestazioni sanitarie rimandate, ma di fatto ha generato un ulteriore effetto valanga", si evidenzia.

Al 5 novembre l’Abruzzo ha deliberato la sospensione dei ricoveri con classi di priorità B, C e D (ossia quelli che dovrebbero essere effettuati rispettivamente entro 60 gg, 180 gg, 12 mesi), mentre Lombardia, Puglia, Calabria e Campania hanno optato per una sospensione integrale dei ricoveri (anche la cd classe A, ossia quelli da garantire entro 30gg). A seguito delle misure previste dal Governo per implementare i posti letto, alla data del 9 ottobre 2020 solo Veneto, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta risultavano pronte ad affrontare la seconda ondata con una dote di letti in terapia intensiva che supera i 14 posti per 100mila abitanti, la soglia di sicurezza fissata dal Governo a maggio scorso con il dl rilancio (D.L. 34/2020). Situazione critica in Campania, che ha incrementato di 92 posti letto a fronte dei 499 previsti dal Dl 34, in Umbria che non ha incrementato alcun posto letto e nelle Marche che ha incrementato solamente 12 posti letto. Altre Regioni sono comunque indietro come Abruzzo, Piemonte, P.A Trento e Puglia.

Se i posti letto in terapia intensiva non sono ovunque adeguati, ancor più evidente si è fatta la carenza di personale sanitario - medici ed infermieri - disponibili in questi reparti.

Secondo la recente analisi proposta da Altems, se prima dell'emergenza sanitaria il rapporto in Italia tra anestesisti e rianimatori e posti letto di terapia intensiva era di 2.5, con l'acquisizione di personale tramite bandi per posizioni a tempo indeterminato e determinato e il contemporaneo incremento di posti letto, tale rapporto scende a 1,9 (-0,6), con marcate differenze regionali. Il valore più basso si registra per Veneto e Valle D'Aosta: rispettivamente 1,4 e 1,6 anestesisti per posto letto di terapia intensiva. Al contrario la regione che mantiene il rapporto più alto è la Provincia Autonoma di Bolzano con 2,8 unità per posto letto. Molise e Calabria "risultano al momento le uniche regioni a registrare un incremento positivo passando rispettivamente da 2 a 2,4 e da 2,4 a 2,5 anestesisti e rianimatori per posto letto in terapia intensiva".

Adnkronos Salute

Curated Tags