It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Il Covid-19, nelle sue forme più gravi, può colpire non soltanto i polmoni, ma più organi e potenzialmente il corpo intero, 'agganciando' proteine espresse da tutte le cellule umane. Si chiamano integrine e si comportano come 'interruttori universali' che il coronavirus Sars-CoV-2 può 'aprire' per sferrare il suo attacco. Questa scoperta deriva da uno studio italiano pubblicato su 'Microorganisms' e illustrato al 5° Congresso nazionale della Società italiana di virologia (Siv-Isv) guidata da Arnaldo Caruso, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all'università di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell'Asst Spedali Civili.

L'evento, moderato da Caruso, si è svolto in modalità telematica con "una partecipazione senza precedenti - spiega all'Adnkronos Salute il numero uno dei virologi italiani - attestata da 90 relatori e oltre 600 partecipanti attivi. Ci siamo confrontati sui più recenti risultati ottenuti nei diversi campi della virologia umana, animale, ambientale e vegetale", spiega il presidente. E "tra le tematiche affrontate non è mancato un update sul virus che ci ha cambiato la vita. Molti sono stati gli studi condotti sul coronavirus pandemico e i relativi dati scientifici presentati".

Fra gli altri, anche il lavoro del gruppo di Francesca Caccuri dell'università di Brescia, che ha dimostrato come le cellule endoteliali microvascolari polmonari siano suscettibili all'infezione da Sars-CoV-2, e siano anche alla base dei processi infiammatori e angiogenetici che contribuiscono allo sviluppo di Covid grave."L'importanza dello studio - evidenzia Caruso - è in particolare la dimostrazione della via di interazione tra il virus e le cellule endoteliali. Un meccanismo che indica appunto nelle integrine nuovi, potenziali bersagli terapeutici contro Covid-19".

"La ricerca - rimarca il presidente Siv-Isv - identifica per la prima volta le integrine quali recettori alternativi ad Ace2 per permettere l'infezione delle cellule endoteliali e virtualmente di tutte le cellule umane che non esprimono il recettore Ace2. Infatti, le integrine, al contrario di Ace2, sono recettori espressi universalmente sulle cellule del nostro organismo. L'utilizzo da parte di Sars-CoV-2 di questo specifico recettore potrebbe spiegare il coinvolgimento multiorgano tipico delle forme gravi di Covid-19".

Alla luce dello studio di Caccuri e colleghi, dunque, "le integrine potrebbero rappresentare un nuovo e importante bersaglio terapeutico per contrastare la presenza del virus a livello sistemico e contribuire a limitare la gravità della malattia".

06/07/2021

Curated Tags