It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Tumori di testa e collo: visibili ma poco conosciuti

Tra le diverse forme di tumore, quelle che riguardano testa e collo risultano essere poco conosciute, anche se ogni anno si contano in Italia 25.000 nuove diagnosi, comprese quelle di cancro alla tiroide, posizionandosi al quinto posto fra i tumori più frequenti (dati AIRTUM). Nella maggior parte dei casi si tratta di tumori a cellule squamose, che derivano dagli epiteli che rivestono le mucose. Queste neoplasie maligne possono attaccare il tratto aerodigestivo superiore, quindi cavo orale, lingua, labbra, gola, laringe e organo della voce, oppure le ghiandole salivari, le cavità nasali e i seni paranasali.

L’importanza della diagnosi precoce

La scarsa informazione in questo ambito comporta spesso una mancata prevenzione e diagnosi tardive, quando il tumore è già in fase avanzata, con conseguenze anche molto gravi.
La scoperta tardiva rende necessario il ricorso a interventi chirurgici invasivi e a maggiori difficoltà di guarigione, oltre al rischio di incorrere in serie problematiche di compromissione di diverse funzionalità. Al contrario, i progressi medici consentono ormai una percentuale alta di sopravvivenza, in media superiore a quella di altri tumori, ma il fattore tempo è essenziale: riuscire a intervenire nelle prime fasi della malattia vuol dire per esempio poter ricorrere a interventi mini-invasivi, senza incisioni cutanee e con minori tempi di degenza, di convalescenza e di ripresa.

Questi tumori hanno in molti casi un impatto molto forte sulla qualità della vita del paziente, sia in termini di funzionalità a rischio, come la voce, la deglutizione, il gusto e la respirazione, che a livello estetico, perché gli interventi possono intaccare l’aspetto del viso. Una diagnosi precoce riduce drasticamente questi rischi e in 9 casi su 10 permette di salvare la vita al paziente, come sottolineato dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC).

Fattori di rischio

I tumori di testa e collo risentono per buon parte di fattori di rischio controllabili, che possono quindi essere modificati. Secondo l’AIOCC, fumo e alcol hanno un ruolo preponderante nel 75% dei casi e le persone che ne fanno massiccio uso hanno un rischio 40 volte superiore alla media di sviluppare un carcinoma a cellule squamose del distretto testa-collo.

Un altro fattore di rischio è stato identificato nell’infezione da papillomavirus umano (Hpv), soprattutto nel facilitare il tumore dell’orofaringe e, anche se meno spesso, i tumori del cavo orale e della laringe. Questo virus infatti, oltre a essere la principale causa di cancro alla cervice uterina, ricopre un importante ruolo nel processo di formazione di tumori che colpiscono anche la aree di testa e collo (fonte Fondazione Airc per la Ricerca sul Cancro).

Altri fattori di rischio, sono:

•dieta con basso contenuto di vitamine del gruppo A e B, contenute soprattutto in frutta e verdura fresca;

•scarsa igiene orale, in particolar modo in soggetti che si servono di protesi dentarie;

• esposizione al virus di Epstein-Barr, un tipo di herpes virus che si trasmette attraverso la saliva, collegato a tumori del rinofaringe;

•esposizioni a polveri e ad alcune sostanze chimiche.
(fonte IEO, Istituto Europeo di Oncologia)

Dai sintomi alle terapie

I sintomi iniziali di questi tumori possono essere scambiati per normali infiammazioni, ma sono di solito particolarmente persistenti. Possibili campanelli d’allarme, tali se si protraggono per un periodo superiore alle 3 settimane, sono ulcerazioni e placche rosse o bianche in bocca, difficoltà nella deglutizione, mal di gola o mal d’orecchio, raucedine persistente e gonfiore a livello del collo. In caso di tumore alla laringe, si può anche verificare un abbassamento o cambiamento della voce.

Diagnosticare la presenza di un tumore di questo tipo è abbastanza semplice e nella maggior parte dei casi basta una approfondita visita otorinolaringoiatrica, seguita eventualmente da un esame istologico, per confermare la diagnosi, e da esami radiologici per effettuare una valutazione più precisa su caratteristiche e stadio della malattia.

Un inquadramento corretto della situazione permette di delineare il miglior approccio terapeutico possibile, che può comprendere, oltre alla già citata chirurgia, radioterapia, chemioterapia, terapia a bersaglio molecolare e immunoterapia.

Come prevenire i tumori di testa e collo

La maggiore diffusione di informazioni relative a questi tumori ha come obiettivo di incrementare l’attenzione verso la prevenzione. Gli accorgimenti più importanti, identificati da IEO, riguardano i fattori di rischio più importanti: il fumo, da evitare, e il consumo di alcol, da limitare. Viene inoltre raccomandato di curare l’alimentazione, impostando una dieta equilibrata, ricca di frutta e verdura, prediligendo alimenti con alte quantità di carotenoidi come peperoni, carote, zucca e pomodori. Se si lavora a contatto con sostanze potenzialmente pericolose come polvere di legno, di cuoio, di silice, nichel e amianto, è indispensabile adoperare le adeguate protezioni, che devono comprendere maschere, occhiali e guanti. Va inoltre curata attentamente l’igiene orale.Questi semplici comportamenti si dimostrano essere estremamente efficaci nel limitare l’insorgenza di tumori a testa e collo, evitando di correre rischi spesso poco noti.