It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Effetti collaterali del Covid.  Crescono eventi cardiaci nelle donne e con l’oncologia si va indietro di 20 anni

"Durante la pandemia c'è stato un aumento tra l'1.8 e il 9% della sindrome di Tako-Tsubo o anche conosciuta come 'strappacuore' o del cuore infranto, una cardiomiopatia da stress con rialzo degli enzimi, dovuta proprio al forte impatto dello stress dell'emergenza. E ne sono particolarmente colpite le donne", osserva Antonio Rebuzzi, docente di Cardiologia all'Università Cattolica di Roma.

Gli fa eco Francesco Cognetti, presidente della Fondazione Insieme contro il cancro e direttore Oncologia medica all'Istituto Regina Elena di Roma. "In questo anno di pandemia - dice l’oncologo - si sono persi centinaia di migliaia di esami e screening oncologici. Noi cominciamo a vedere già malattie più avanzate che inevitabilmente avranno un decorso nettamente più sfavorevole. E vedremo un aumento della mortalità dei pazienti tra 1-3 anni. Questi effetti dannosi non cesseranno immediatamente dopo la risoluzione della pandemia, ma li vedremo negli anni a venire e questo ci farà tornare indietro di 20 anni nei progressi della ricerca e della prevenzione". 

Il Covid-19 ha colpito con la forza di uno tsunami la comunità internazionale e quella italiana, ponendo sotto stress il Sistema Sanitario Nazionale. Basti pensare che durante il lockdown sono “saltati” 20,4 milioni di analisi del sangue e più di un milione di ricoveri, riprogrammati o annullati 12,5 milioni di esami diagnostici e 13,9 milioni di visite specialistiche secondo il Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità (CREMS) dell’Università LIUC Carlo Cattaneo.
Le conseguenze? Liste di attesa sempre più lunghe per le tac, le risonanze magnetiche ma anche per le semplici ecografie. È una fotografia confermata anche dall’ultimo Rapporto nazionale sulle politiche della cronicità di Cittadinanzattiva, dal quale risulta che per più di due pazienti su cinque sono stati cancellati visite, esami o interventi.

 

Curated Tags