It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’acne è un’infiammazione del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea annessa; tale infiammazione è causata da un’ostruzione del follicolo stesso, che impedisce al sebo prodotto dalla ghiandola di fuoriuscire come dovrebbe: il sebo quindi si accumula in loco favorendo la formazione dei cosiddetti brufoli o foruncoli. L’acne colpisce in particolar modo la pelle di viso, spalle, dorso e petto.

L’acne giovanile è tipica della pubertà, specialmente dai 12 ai 18 anni, età in cui gli ormoni androgeni (presenti sia in uomini che donne) stimolano le ghiandole a produrre una maggior quantità di sebo che non trova sbocco, innescando così un processo infiammatorio (da batterio Propionibacterium acnes). L’acne è favorita anche dallo stress, dall’uso di cosmetici che non fanno traspirare la pelle e dall’ereditarietà.

Quali sono i sintomi dell’acne giovanile?

L’acne è una malattia cronica della pelle del tutto benigna, ma le sue ripercussioni estetiche possono creare un disagio profondo in chi ne soffre, specialmente in età adoescenziale. L’acne giovanile si caratterizza per la presenza simultanea di:

  • comedoni (punti neri o giallastri);
  • papule (foruncoli infiammati);
  • pustole (brufoli con la punta bianca o gialla, ripieni di pus);
  • pelle unta.

Trattamenti

La terapia per l’acne può durare molto a lungo, anche anni, e richiede costanza e controlli periodici dal proprio dermatologo. Si va dai trattamenti dermo-estetici volti ad eliminare gli effetti della patologia (comedoni, papule) rigenerando gli strati superficiali della pelle, quali peeling chimico, dermoabrasione e laser terapia; alla terapia fotodinamica che mira a spegnere le infiammazioni e ad evitare la formazione di cicatrici; fino all’assunzione di acido retinoico (un derivato della vitamina A che impedisce la formazione di comedoni) per via orale o ad uso topico, e, se necessario, a terapie ormonali.

Prevenzione

Per chi soffre di acne, la prima raccomandazione è quella di evitare di sfregare, schiacciare o spremere le lesioni, perché porebbero lasciare cicatrici permanenti. Si consiglia inoltre di non applicare creme sul volto (neppure solari), non fare uso di cosmetici in crema (fondotinta), pulire il viso con detergenti non schiumogeni, struccarsi sempre prima di andare a dormire per consentire alla pelle di respirare, evitare indumenti attillati.

Curated Tags