It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La cirrosi è una malattia avanzata del fegato che consiste in una degenerazione progressiva delle cellule epatiche che si atrofizzano e scompaiono. Il fegato in un primo momento si ingrossa poi finisce col rimpicciolirsi e atrofizzarsi gravemente, diventando duro al tatto e deformato a causa della formazione di cicatrici del tessuto epatico che limitano il regolare funzionamento del fegato.

La cirrosi in genere colpisce soggetti che da anni fanno abuso di alcol o sono affetti da epatite. Si tratta di una condizione irreversibile. Tuttavia le conseguenze di tale patologia, possono essere limitate intervenendo precocemente se si vuole evitare che aumenti il rischio di cancro al fegato.

Quali sono i sintomi?

La cirrosi può rimanere asintomatica per anni. Un terzo dei pazienti non avverte alcun segnale. I primi sintomi non destano preoccupazione. E sono:

  • spossatezza;
  • perdita di peso;
  • anoressia;
  • malessere;
  • inappetenza.

Quando il danno al fegato è elevato compaiono:

  • accumulo di liquido nella cavità addominale (ascite);
  • insufficienza epatica;
  • emorragie frequenti (in particolare del tratto digerente);
  • ematomi;
  • nausea;
  • prurito;
  • ittero;
  • gonfiore di addome e gambe;
  • insufficienza renale;
  • atrofia muscolare.

Quali sono le cause?

Tra le cause della cirrosi troviamo l'abuso cronico di alcol, l'epatite B e C, il “fegato grasso” (steatosi epatica non alcolica) e le malattie epatiche autoimmuni.

Come si diagnostica

In caso di sintomi, oltre alla visita medica vanno eseguiti: esami del sangue, tra cui test epatici, ecografia del fegato, risonanza magnetica e a volte biopsia epatica.

Trattamenti

La cirrosi limita la funzionalità del fegato e se non viene trattata per tempo può risultare fatale. Va detto che non esiste una cura per la cirrosi. Innanzitutto, occorre intervenire sulle cause principali: limitare o abolire il consumo di alcol, ridurre il rischio di contrarre l’epatite B e C (con rapporti sessuali protetti). Inoltre, le strategie terapeutiche comprendono anche: l'assunzione di farmaci o di integratori per ridurre i sintomi della malattia, antibiotici (per le infezioni); una dieta equilibrata per ridurre l'accumulo di liquidi e mantenere il peso forma; farmaci specifici per ridurre l'accumulo di tossine nel sangue e, nei casi più gravi, il trapianto di fegato.

Curated Tags