It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’ernia ombelicale è una fuoriuscita di viscere o tessuto dalle pareti addominali che si verifica nell’area dell’ombelico e colpisce in particolar modo i bambini appena nati, a seguito della incompleta chiusura dell’orifizio attraverso il quale passa il cordone ombelicale; essa tende a risolversi da sola entro il primo anno e mezzo di vita.

L’ernia ombelicale, però, può interessare anche l’adulto, per motivi vari che vanno dall’obesità a gravidanze multiple, interventi chirurgici pregressi, cirrosi, asciti (raccolta patologica di liquidi nella cavità addominale): tutte condizioni che possono provocare una pressione eccessiva all’interno dell’addome. In tal caso, si rende necessaria un’operazione chirurgica per evitare l’insorgere di infezioni e complicanze (ernia strozzata o incarcerata) che possono degenerare in occlusione intestinale, dolori all’addome particolarmente intensi e vomito.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi di un’ernia ombelicale sono i seguenti:

  • dolore addominale, che si intensifica con colpi di tosse, starnuti o se si sollevano pesi;
  • presenza di una protuberanza nell’area dell’ombelico;
  • pelle arrossata;
  • cute dell’ombelico di colore grigio/bluastro;
  • disturbi della digestione e intestinali.

Trattamenti

Nei bambini l’ernia ombelicale non necessita di alcun trattamento, poiché solitamente rientra da sola entro 12-18 mesi. Tuttavia, se persiste oltre il terzo anno di età, se assume dimensioni significative (oltre i due centimentri di diametro) e se provoca dolore, occorre intervenire chirurgicamente anche nei pazienti più piccoli. 

Negli adulti, invece, l’operazione è sempre raccomandata, per evitare complicanze: si effettua un’incisione alla base dell’ombelico attraverso la quale il tessuto fuoriuscito viene ricollocato nell’addome. L’intervento viene svolto in day-hospital; il paziente dovrà poi evitare di fare sforzi per almeno una settimana.

Curated Tags