It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’ipoglicemia è una condizione caratterizzata dal rapido abbassamento dei valori normali del livello di zucchero (glicemia) nel sangue. Il valore adottato solitamente come limite sotto il quale si parla di ipoglicemia è meno di 70 mg/dl.

Questo disturbo, che rappresenta la più frequente delle complicanze acute del diabete, si può osservare dopo lunghi periodi di scarsa alimentazione, per abnorme attività della parte endocrina del pancreas o dopo la somministrazione di insulina. L’ipoglicemia è più frequente nell’intervallo fra i pasti e nelle ore notturne. Nella maggior parte dei casi, compare nei soggetti diabetici in terapia con insulina o altri farmaci.

Quali sono i sintomi?

Ci sono tre tipologie di ipoglicemia: lieve, moderata e grave.

I sintomi dell’ipoglicemia di grado lieve sono: tremore, sudorazione eccessiva, palpitazioni.

La forma moderata si manifesta con: debolezza, stanchezza, sonnolenza e confusione mentale.

Oltre a questi sintomi, nell’ipoglicemia di grado grave fanno la loro comparsa anche:

  • nausea;
  • fame;
  • formicolio degli arti;
  • cefalea;
  • vista annebbiata o sdoppiata;
  •  disturbo del linguaggio e della personalità;
  • depressione;
  • perdita di coscienza;
  • pallore al viso;
  • convulsioni;
  • vomito;
  • coma.

Quali sono le cause?

Tra le cause alla base dell’ipoglicemia: mancato rispetto degli orari e della tipologia della dieta, attività fisica intensa non programmata, insulina, medicinali per trattare il diabete (ipoglicemizzanti) assunti in quantità eccessive e alcune malattie ai danni di fegato e pancreas.

Come si diagnostica

La diagnosi si effettua tramite visita medica e analisi del sangue per la misurazione dei livelli di glucosio.

Curated Tags