It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Cosa può nascondersi dietro la lombosciatalgia

La lombosciatalgia è una condizione che provoca dolore intenso che parte dal rachide lombare gluteo e alla gamba, accompagnato talvolta da sensazioni di formicolio e bruciore. Generalmente si manifesta monolateralmente (solo da un lato del corpo), ma può essere anche bilaterale.

“La lombalgia è un sintomo comunemente riferito come mal di schiena o come un dolore alla colonna lombare”, spiega Francesca Romana Spinelli, reumatologa presso La Sapienza Università di Roma.

La causa

La lombosciatalgia può essere determinata da malattie di natura differente come le patologie degenerative meccaniche - l’artrosi e la patologia dei dischi intervertebrali - o da malattie infiammatorie come le spondiloartriti. Queste sono un gruppo di malattie del tessuto connettivo che causano un'importante infiammazione articolare. Tali patologie colpiscono le articolazioni e la colonna vertebrale e hanno alcune caratteristiche comuni.

Dai sintomi la diagnosi

“La lombalgia può colpire donne e uomini di qualunque età, soggetti giovani e meno giovani - continua la professoressa -. Il tipo di dolore e le caratteristiche della lombalgia orientano le diagnosi”.

La lombalgia infiammatoria spesso interessa la giovane età. Nella spondiloartrite, la lombalgia infiammatoria ha un dolore peculiare. “Compare la notte e nelle prime ore del mattino con rigidità al mattino che dura 30-60 minuti e che tende a migliorare con il movimento”, osserva la professoressa Spinelli.

La lombalgia meccanica si caratterizza da un dolore che migliora con il riposo e peggiora con lo sforzo, non si associa a lunga rigidità il mattino, con il risveglio.

L’attività fisica come ulteriore supporto alla terapia

A seconda della diagnosi, lombalgia meccanica o infiammatoria, il dolore viene trattato diversamente. Un campanello d’allarme da non sottovalutare è la durata dei sintomi. “Se la lombalgia infiammatoria dura per qualche mese, richiede l’attenzione di uno specialista”, sottolinea la reumatologa.

Anche se la terapia viene impostata in base alla diagnosi, “l’attività fisica è importante e nelle persone che hanno lombalgia, sia meccanica che infiammatoria, va concordata con lo specialista – ricorda la professoressa Spinelli –. Ovviamente non è indicato fare sforzo fisico con dolore acuto, ma l’esercizio fisico costante aerobico e preferibilmente in acqua è comunque da concordare con lo specialista”.