It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Lo scorso anno abbiamo avuto il piacere di poter lavorare insieme a tanti altri colleghi al processo di HTA (Health Technology Assessment – valutazione delle tecnologie sanitarie) sullo scompenso cardiaco nella regione Marche.
L’esperienza è stata per alcuni aspetti entusiasmante.
Poter rivalutare e analizzare quanto di nuovo in termini di terapia medica, organizzazione, devices si sia sviluppato intorno al paziente con scompenso cardiaco nel mondo negli ultimi anni, è stato ed è formativo.
L’HTA dovrebbe in tal senso essere, a nostro avviso, un programma permanente e in continua evoluzione.
Proprio partendo dallo stimolo che l’iniziativa ha generato e dalla relativa pubblicazione, insieme a colleghi con cui condividiamo passione lavorativa, esigenze, voglia di miglioramento, abbiamo dato seguito a tale impegno, organizzando e cercando di strutturare una “rete per lo scompenso cardiaco avanzato”.

I pazienti con scompenso cardiaco avanzato, pur essendo una minoranza dei pazienti scompensati, sono quelli più gravi e che assorbono la maggiore “spesa tecnologica”.

Sono i pazienti che possono essere candidati a trapianto cardiaco o, se quest’ultimo è controindicato (per età avanzata o comorbidità), a terapia avanzate quali LVAD (left ventricular assistence device), mitral-clip o ad esempio ablazioni di aritmie ventricolari complesse.

In ogni caso, tutte queste terapie richiedono un’attenta valutazione e devono essere proposte ed eseguite in un “timing di malattia” ben preciso, perché il rischio di futilità è molto elevato.

Tutti i rappresentanti delle cardiologie marchigiane (in alcuni casi più di un rappresentante) ed anche di alcune cardiologie extraregionali (Abruzzo e Umbria) che si occupano di scompenso cardiaco nelle loro rispettive strutture, sono stati invitati a un tavolo di lavoro in cui abbiamo iniziato a condividere criteri di selezione e di co-gestione tra centri Spoke e centro Hub.

L’unico Ospedale Hub in grado di fornire a tali pazienti tutte le opzioni terapeutiche esistenti (tranne il trapianto cardiaco per il quale c’è un programma condiviso con centri trapianto del nord italic transplantation) nella regione Marche è l’AOU Ospedali Riuniti di Ancona e pertanto, per ovviare il rischio di un “sovraffollamento” da una parte e di un ritardo terapeutico dall’altra, è stato necessario istituire un percorso di valutazione multidisciplinare che coinvolgesse il cardiologo “curante”, il cardiologo esperto di scompenso cardiaco, il cardiologo intensivista, il cardiochirurgo, l’emodinamista, il cardioanestesista.

Gli incontri (3 volte in 3 pomeriggi infrasettimanali a cadenza mensile), da noi coordinati, hanno visto la partecipazione attiva e vivace di tutto il gruppo di colleghi che si occupa della gestione e follow-up di tali pazienti (dott. M. Francioni, dott. L. Angelini, dott. ssa M.V. Matassini, dott.ssa Giulia Pongetti, dott.ssa M. Shkoza).

Partendo da esempi di casi clinici, abbiamo analizzato mancanze e miglioramenti possibili di un “network” dedicato che fino a ieri era molto teorico e poco pratico.

Abbiamo condiviso tanti aspetti: dal metodo di riferimento del paziente (attraverso canali mail dedicati piuttosto che numeri di telefono), a quali esami diagnostici rappresentano il “minimal data set” che un centro Spoke deve fornire al centro Hub. Allo stesso modo ci si è accordati sul tipo di follow-up che alcuni pazienti debbano fare nel proprio ospedale di riferimento piuttosto che nel centro Hub a cui vengono riferiti.

L’esperienza ha generato 3 risposte a nostro avviso fondamentali:

  • ha formalizzato, in primo luogo, una rete efficace dal punto di vista operativo;
  • ha armonizzato un gruppo di professionisti nella gestione di pazienti estremamente complessi;
  • ha indirettamente fornito al paziente con scompenso cardiaco avanzato un percorso di diagnosi e cure ottimale indipendentemente dal comune o provincia di residenza.

Dopo questi incontri ci siamo lasciati riproponendoci nuove occasioni per l’anno in corso, con l’intento di rivedere quanto già creato, revisionando il processo e cercando di ottimizzarlo attraverso l’analisi di casi specifici e di tutto il percorso di cura.

Tutto ciò è stato possibile grazie all’impegno di tutti i partecipanti che si trovati letteralmente intorno a un tavolo, discutendo alla “pari” e condividendo, nel vero senso della parola, tutte le difficoltà nel management di tali pazienti.

22/04/2022

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica