It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Il mal d’auto, o cinetosi, è un disturbo molto diffuso che interessa in modo particolare i bambini e che può rendere estremamente complicato affrontare viaggi e spostamenti. Per evitare che il percorso per raggiungere la meta della tanto ambita vacanza si trasformi in un incubo, proviamo a capire come alleviare i sintomi della cinetosi.

Cos’è la cinetosi

Chiamata comunemente mal d’auto, la cinetosi può verificarsi in realtà in tutte quelle situazioni che prevedono un movimento passivo, quindi anche in nave o in aereo, oppure dopo movimenti rotatori del corpo e della testa. Questo fenomeno dipende dal sistema vestibolare, un componente che regola l'equilibrio e che si trova situato nell'orecchio interno. La cinetosi si presenta quando manca la sincronizzazione fra l'impulso visivo inviato al cervello e quello proveniente dal sistema vestibolare. Anche un eccesso di stimoli visivi può causare questo disturbo, come lo scorrere del paesaggio laterale in contrapposizione al corpo fermo.

I sintomi più comuni sono: pallore, sbadigli, sudorazione fredda, nausea e vomito.

Con il passare degli anni il mal d’auto di solito si attenua per poi scomparire, ma in alcuni casi permane anche in età adulta.

Come si previene: accorgimenti utili

Esistono alcuni accorgimenti da adottare per diminuire il disagio dovuto al mal di macchina e permettere viaggi più tranquilli:

  • partire di notte o alla mattina presto, in modo che il bambino abbia ancora sonno e sia propenso ad addormentarsi;
  • il bambino dovrebbe fare una piccola colazione e spuntini durante il percorso con cracker o grissini;
  • evitare sia prima che durante il viaggio il consumo di succhi e bevande gassate, da sostituire con piccoli sorsi di acqua;
  • mantenere una guida tranquilla e regolare, senza forti accelerazioni o frenate, soprattutto in curva;
  • evitare il più possibile di sottoporre il bambino a odori intensi, come benzina o anche aria viziata;
  • effettuare brevi soste ogni 2-3 ore, facendo scendere il bambino dalla macchina e facendogli fare qualche passo;
  • cercare di tenere l’aria nell’abitacolo fresca, utilizzando l’aria condizionata con moderazione e aprendo a volte i finestrini;
  • provare a distrarre il bambino, con canzoni e musica per esempio;
  • non farlo leggere o giocare con videogiochi;
  • consigliare al bambino di non guardare dal finestrino laterale ma solo davanti a sé.

Rimedi farmacologici e non

In caso di problemi persistenti, il pediatra potrebbe prescrivere per viaggi particolarmente lunghi farmaci specifici, sotto forma di capsule molli o di gomma da masticare, a base per esempio di dimenidrinato. Le capsule vanno di solito assumere mezz’ora prima di partire e poi ogni 4-6 ore, mentre la gomma va utilizzata non appena compaiono i primi sintomi.

Inoltre, sono disponibili dei braccialetti che sfruttano i principi dell’agopuntura e della digitopressione della medicina cinese, da indossare mezz'ora prima della partenza. Ogni braccialetto è dotato di un bottone di plastica a forma di cupola verso l’interno, che deve essere posizionato sul cosiddetto punto P6 dell’agopuntura, che si trova a circa 2-3 dita di distanza dalla piega del polso. I braccialetti non presentano effetti collaterali e possono essere utilizzati anche dai bambini più piccoli.

05/08/2022

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica