It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Patologie reumatologiche e muscolo-scheletriche: valutare e migliorare l'aderenza alle terapie

Un tema essenziale in ambito medico è rappresentato dall’aderenza terapeutica e dalle strategie più valide da impiegare per valutarla e migliorarla.
Nell’area delle patologie reumatologiche e muscoloscheletriche, una percentuale elevata di pazienti non è aderente alla terapia: questa problematica è stata oggetto di studio approfondito da parte di una task force dell’EULAR, Società Europea di Reumatologia, che ha portato a stilare una serie di punti volti a considerare la prevenzione, lo screening la valutazione e la gestione della mancata aderenza al trattamento.
Vediamo i passaggi di questo processo.

L’aderenza terapeutica oggi

Una prima considerazione che emerge riguarda l’attuale situazione: viene infatti riportato che una porzione significativa di pazienti affetti da patologie reumatologiche e muscoloscheletriche, compresa tra il 30% e l’80%, non è aderente alle terapie prescritte. Percentuali molto elevate di malati che non portano avanti il proprio percorso di cura, con effetti importanti sulle proprie condizioni di salute e qualità di vita.
Non seguire la terapia, infatti, influenza diversi aspetti del percorso di cura del paziente: come gli interventi non farmacologici o la mancata osservanza delle regolari visite di controllo. Tutto ciò determina un peggioramento degli outcome di patologia, un incremento del rischio di malattie cardiovascolari, una riduzione della funzionalità e una perdita della qualità di vita.

Task force al lavoro

Per ovviare a queste mancanze, è stata istituita da EULAR una task force di 22 membri che ha visto la partecipazione di figure differenti, come reumatologi, associazioni dei pazienti e altri operatori sanitari, rappresentanti 12 paesi europei.

L'obiettivo di questo gruppo è stata la definizione di alcuni punti chiave da seguire inerenti alla prevenzione, allo screening, alla valutazione e alla gestione della mancata aderenza al trattamento in pazienti affetti da patologie reumatologiche e muscoloscheletriche, al fine di aiutare i medici a supportare i malati nel loro percorso terapeutico con maggiore efficienza e garantendo più continuità.

Raccomandazioni per la gestione dell’aderenza terapeutica

Dal lavoro della task force di EULAR sono emersi 4 principi generali:

  • l’aderenza terapeutica influenza il decorso della patologia;
  • rendere partecipe il paziente nel processo decisionale è fondamentale, poiché l’aderenza terapeutica è un comportamento che consegue a una prescrizione condivisa e compresa dal paziente;
  • l’aderenza è influenzata da molteplici fattori (comorbidità, politerapie, circostanze, preferenze etc.);
  • l’aderenza è un processo dinamico che necessita di una valutazione continua.

Da questi elementi scaturisce l’idea di una visione molto sfaccettata della malattia e della sua cura, che tiene conto del paziente nella sua complessità e del suo coinvolgimento nell’elaborazione del piano terapeutico. Le prescrizioni mediche devono quindi essere pienamente comprese e accettate dal malato, perché la consapevolezza dell’efficacia della terapia è il punto di partenza dell’aderenza.

Oltre a questi principi generali, sono state stilate alcune indicazioni che chiariscono la direzione da prendere per gestire e controllare al meglio l’aderenza terapeutica e per promuoverla attivamente. La comunicazione efficace fra medico e paziente resta comunque il punto cardine, a cui fare conseguire tutte le azioni di miglioramento. Attraverso uno scambio proficuo devono per esempio essere identificati eventuali ostacoli all’aderenza, come la disponibilità o i costi di un farmaco, o ancora, problemi legati alla memoria dei pazienti. Facilitare il percorso terapeutico vuol dire condividere tutte le problematiche o le resistenze presenti affinché vengano superate, modellando la cura secondo preferenze e obiettivi del singolo paziente. Interventi volti a facilitare la gestione della terapia possono anche comprendere l'utilizzo di strumenti che hanno lo scopo di ricordare i tempi di prescrizione. Inoltre, la verifica sull’aderenza va effettuata in maniera regolare, a maggior ragione nei casi in cui la malattia non è controllata adeguatamente.

Le evidenze emerse rappresentano un concreto aiuto per le figure coinvolte nel processo di cura e assistenza e possono svolgere un ruolo importante nell’indirizzare il paziente verso un’adesione condivisa e duratura delle terapie concordate.