It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Miocarditi dopo vaccini mRna, cardiologi Usa 'più benefici che rischi'

"I benefici della vaccinazione anti-Covid" con i vaccini a mRna "superano enormemente il raro e possibile rischio di complicanze cardiache, inclusa la miocardite", a proposito della quale i Cdc americani hanno messo in guardia nei giorni scorsi gli operatori sanitari. Lo affermano in una nota congiunta l'American Heart Association (Aha) e l'American Stroke Association (Asa). "Esortiamo vivamente tutti gli adulti e i bambini di età pari o superiore a 12 anni a sottoporsi a vaccinazione anti-Covid non appena possibile - si legge - Le evidenze continuano a indicare che i vaccini Covid-19 sono efficaci quasi al 100% nel prevenire morti e ricoveri causati dall'infezione da Sars-CoV-2".

Alla fine della scorsa settimana - spiegano Aha e Asa - i Cdc hanno avvertito gli operatori sanitari sul fatto di avere in corso un monitoraggio dei dati raccolti attraverso il Vaccine Adverse Events Reporting System (Vaers) e il Vaccine Safety Datalink (Vsd), relativamente a casi di giovani adulti che sviluppano una rara complicanza cardiaca correlata a miocardite dopo avere ricevuto un vaccino anti-Covid. In particolare, il Covid-19 Vaccine Safety Technical Work Group (Vast) dell'Advisory Committee on Immunization Practices (Acip) dei Cdc sta esaminando "diverse dozzine di casi di miocardite segnalati in adolescenti e giovani adulti" dopo la vaccinazione. Effetti che "compaiono tipicamente entro 4 giorni dalla somministrazione", che sono stati registrati "nei maschi più spesso che nelle femmine, e dopo la seconda dose più frequentemente che dopo la prima".

Possibili eventi avversi sui quali i cardiologi rassicurano, confermando appunto che i benefici dell'iniezione-scudo superano di gran lunga i rischi. È inoltre ancora da chiarire il legame causa-effetto: "La miocardite è solitamente il risultato di un'infezione virale - ricordano gli esperti - e deve ancora essere determinato se questi casi abbiano qualche correlazione con la somministrazione del vaccino Covid-19, soprattutto perché i vaccini anti-Covid autorizzati negli Stati Uniti non contengono virus vivi".

"Restiamo fiduciosi che i benefici della vaccinazione superino di gran lunga i suoi rischi, molto limitati e rari", scrivono Aha e Asa. Ancora, "i rischi della vaccinazione sono anche molto inferiori a quelli dell'infezione Covid-19, con le sue conseguenze potenzialmente fatali e i possibili danni alla salute a lungo termine, inclusa la stessa miocardite".

La vaccinazione anti-Covid con vaccini a mRna rimane quindi raccomandata a tutti, "comprese specificamente le persone con fattori di rischio cardiovascolare come ipertensione, obesità e diabete di tipo 2 - puntualizzano i cardiologi Usa - quelle con malattie cardiache e i sopravvissuti a infarto e ictus", categorie che corrono un "rischio di esito avverso provocato dal virus molto maggiore di quello eventualmente correlato al vaccino".

"Incoraggiamo tutti a rimanere in contatto con il proprio medico e a cercare immediatamente assistenza se, nelle settimane successive alla vaccinazione contro Covid-19, dovessero presentare uno qualsiasi di questi sintomi: dolore toracico incluso dolore improvviso, acuto e lancinante - elencano gli specialisti - difficoltà a respirare o mancanza di respiro; battito cardiaco anormale; forte mal di testa; visione sfocata; svenimento o perdita di coscienza; debolezza o alterazioni sensoriali; confusione o difficoltà a parlare; convulsioni; dolore addominale inspiegabile; dolore o gonfiore alle gambe".

25/05/2021

Curated Tags