It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Anziani più fragili se consumano alimenti ultra-elaborati

Mangiare troppi cibi industriali fa male al cuore. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dei Centers for Disease Control and Prevention Usa,  per ogni aumento del 5 per cento delle calorie da alimenti industriali, si verifica una corrispondente riduzione della salute cardiovascolare generale. Ma il consumo di alimenti ultra-elaborati, composti interamente o principalmente da sostanze quali grassi, amidi, zuccheri aggiunti, aromi artificiali, coloranti o emulsionanti, può arrivare anche a triplicare il rischio di sviluppare la Sindrome della fragilità negli anziani rispetto a quelli con un minore consumo di questi prodotti. A dirlo, questa volta,  è uno studio  spagnolo condotto dal Centro Ciber di Epidemiologia e sanità pubblica e dall'Università autonoma di Madrid e pubblicato su Journals of Gerontology. Il consumo di bevande zuccherate, biscotti, torte, latticini aromatizzati, dolci e succhi industriali nelle persone over65  è risultato principalmente legato a una perdita di peso involontaria e all’andatura lenta, due delle cinque componenti che identificano un anziano come fragile,  tra le altre sono: debolezza, spossatezza  e  basso livello di attività. 

Gli alimenti “no” per gli over65

Il consumo di alimenti troppo lavorati induce a mangiarne di più, una pessima abitudine perché l’assunzione di tali prodotti mina la salute. Una dieta a base di cibi molto elaborati - ricchi di sale, zuccheri aggiunti e  grassi saturi - è  infatti associata  allo sviluppo di diabete, sindrome metabolica, obesità, colesterolo alto, ipertensione, cancro e, più in generale, è legata a una mortalità più elevata. Ecco perché a tutte le età, e ancora di più con l’avanzare degli anni, vanno evitati prodotti industriali, quali:

  • snack
  • biscotti
  • dolci
  • gelati
  • zuppe istantanee
  • carni lavorate
  • pizze surgelate
  • patatine
  • cibi in scatola
  • succhi di frutta
  • bevande zuccherate
  • pane bianco
  • yogurt zuccherati

Più longevi con la dieta mediterranea

Le diete salutari svolgono un ruolo importante nel mantenere sani cuore e vasi sanguigni ma anche  per vivere una terza età in forze e benessere.  Via libera, dunque, alla dieta mediterranea con: frutta e verdura fresca, cereali integrali, noci  e proteine ​​magre (manzo, pollo, tacchino, tonno, salmone, merluzzo, legumi, uova)  fortemente legate alla buona salute del cuore e del girovita.