It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Tutta colpa dell’infiammazione?

L’infiammazione, o flogosi, è un meccanismo di difesa  da parte del nostro organismo che reagisce a infezioni o lesioni.

L’infiammazione difende l’organismo da danni che possono essere provocati da agenti fisici (calore, traumi, radiazioni), chimici (veleni), biologici (batteri, virus, parassiti),  corpi estranei (allergeni) e cause endogene (reazioni autoimmuni, neoplasie, disturbi metabolici). La flogosi, oltre a eliminare la causa che ne è alla base, ripara le lesioni ai tessuti e ristabilisce la normale funzionalità dell’organismo grazie all’aiuto di cellule difensive. Durante il processo di guarigione, le cellule danneggiate in grado di proliferare si rigenerano.

Ci sono due tipi di infiammazione: acuta (si risolve in pochi giorni) e cronica (la sua durata è più lunga, in genere 4-6 settimane).  

Sintomi e cause

Tra i sintomi, i più frequenti sono:

  • calore
  • febbre
  • arrossamento
  • gonfiore
  • tumefazione
  • dolore
  • perdita di funzione e cambiamenti nel flusso sanguigno della parte infiammata

Le cause che possono stimolare l'infiammazione, sono diverse: virus, batteri, traumi fisici, ustioni, radiazioni, sostanze chimiche, risposte immunologiche inadeguate, deterioramento  e morte dei tessuti.

L’infiammazione e le altre malattie

La flogosi cronica irreversibile è implicata nello sviluppo di numerose patologie croniche e progressive dell’età matura o avanzata: malattie neurologiche (Alzheimer, malattia di Parkinson, sclerosi laterale amiotrofica); cardiovascolari (aterosclerosi, insufficienza cardiaca, cardiomiopatia, infarto); malattie infiammatorie croniche (colite ulcerosa, morbo di Crohn, artrite reumatoide, asma bronchiale cronico, psoriasi); muscolo-scheletriche (osteoporosi, osteoartrite, distrofia muscolare); neoplasie (tumori di polmone, rene, colon, stomaco, pancreas, linfomi); complicazioni di malattie metaboliche (steatosi epatica, diabete mellito di tipo 2, insufficienza renale cronica); complicanze del diabete (cardiomiopatia, aterosclerosi, sepsi, insufficienza renale cronica, retinopatia).

Curated Tags