It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Nonostante la pandemia, che ha comportato uno stop o un rinvio delle attività di screening, interventi chirurgici, visite e controlli di routine, in Italia si muore di cancro meno rispetto alla media europea. Per la precisione, -13% negli uomini e -10% nelle donne. Insomma, nel nostro Paese, nel 2021, diminuiscono i decessi per tumori e migliora la sopravvivenza.

Lo dicono i dati contenuti nel Rapporto Annuale (l’11esimo) sui 'Numeri del cancro in Italia nel 2021', a cura dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), dei Registri tumori italiani, della Società italiana di anatomia patologica e di citologia diagnostica (Siapec-Iap), di Fondazione Aiom, Passi (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia), Passi d'Argento e Osservatorio nazionale screening (Ons), presentato a Roma all'Istituto superiore di sanità (Iss).

Nel 2021 – si legge nel rapporto - sono stimate 181.330 morti per neoplasie (100.200 uomini e 81.100 donne), 1.870 in meno rispetto al 2020. Più in generale, negli ultimi 6 anni si è osservato un calo complessivo della mortalità per cancro del 10% negli uomini e dell'8% nelle donne. Dal 2015 a oggi, nei maschi sono diminuite del 18,4% le morti per neoplasie dello stomaco, del 15,6% quelle per cancro al polmone, del 14,6% quelle per tumore alla prostata e del 13,6% quelle per cancro al colon-retto. Aumentano nella popolazione femminile i decessi per i carcinomi della vescica (+5,6%) e del polmone (+5%), strettamente legati al fumo di sigaretta, mentre calano quelli per tumori a stomaco (-25%), colon-retto (-13,2%), ovaio (-9%) e mammella (-6,8%). Non emergono progressi per il tumore del pancreas, che continua a evidenziare tassi di mortalità stabili nei maschi e in crescita (+3,9%) nelle femmine.

"L'alto livello dell'assistenza oncologica in Italia è evidenziato dalle percentuali di sopravvivenza a 5 anni, che migliorano per tutte le neoplasie - sottolineano gli esperti - attestandosi al 59% negli uomini e al 65% nelle donne (rispetto al 54% e 63% della rilevazione precedente aggiornata al 2015). In 7 sedi negli uomini e in 8 nelle donne le sopravvivenze si attestano su valori molto elevati, fino al 96,2% dei carcinomi tiroidei nelle donne e al 93,2% nel testicolo".

"L'analisi della sopravvivenza consente di valutare gli esiti delle azioni di prevenzione primaria e secondaria, della tempestività ed efficacia delle terapie, dell'impatto dell'assistenza e delle cure terminali - afferma Giordano Beretta, presidente Aiom - La sopravvivenza nel nostro Paese è allineata ai livelli più alti osservati in Europa. In Italia aumentano sempre più le persone vive dopo la diagnosi: nel 2020 erano circa 3,6 milioni, il 6% della popolazione, con un incremento del 36% rispetto al 2010. In 6 sedi tumorali le sopravvivenze sono però ancora inferiori al 30%, con il cancro del pancreas fanalino di coda all'11% in entrambi i sessi. Gli sforzi della ricerca devono essere rivolti in particolare a queste patologie. Negli uomini la generale diminuzione della mortalità rispecchia la riduzione dei decessi per tumori dovuti al fumo. Ma vanno incrementate le campagne di prevenzione anti-fumo per controllare l'epidemia delle neoplasie tabacco-correlate nella popolazione femminile".

Nel 2021, in Italia, sono stimati 34.000 decessi per cancro del polmone, 21.700 per il colon-retto, 12.900 per il pancreas, 12.500 per la mammella e 8.500 per lo stomaco. "Un'indagine condotta dalla nostra società scientifica ha stimato, a livello nazionale, l'impatto dell'infezione da Sars-CoV-2 sugli interventi chirurgici dei tumori della mammella e del colon-retto - sottolinea Anna Sapino, presidente Siapec-Iap - Per il tumore della mammella, il numero di casi operati nel 2020 è risultato inferiore del 12% (-805 casi) rispetto al 2019, e questa riduzione si è osservata per le neoplasie di tutte le dimensioni, in particolare per quelle più piccole. Vi è stato un aumento significativo dei tumori del seno pT2 (compresi tra 2 e 5 cm), a fronte della diminuzione di quelli più piccoli (pT1, tra 1 e 5 mm)".

"Anche per il colon-retto - aggiunge Sapino - si è registrata una riduzione dei casi operati nel 2020, inferiore del 13% (-464 casi) rispetto al 2019, con un calo particolarmente marcato per i tumori in situ, mentre si è registrato un aumento significativo delle neoplasie con perforazione del peritoneo. I risultati di questa indagine fanno emergere, in generale e per entrambe le patologie, una diminuzione dei tumori in situ caratterizzati da alte probabilità di guarigione (-11% per la mammella, -32% per il colon-retto), che può essere la conseguenza della temporanea riduzione degli screening oncologici nel 2020”.

21/10/2021

Curated Tags