It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

“Oggi viviamo in un’epoca dove i progressi scientifici e i grandi traguardi conquistati dovrebbero contribuire a mettere un punto alla diffusione del virus dell’Hiv. Invece, il virus continua a diffondersi. Questo avviene soprattutto perché la discriminazione continua ad essere il più grande mostro scagliato contro le persone che vivono con l'Hiv. Lo stigma e la paura creano una situazione nella quale le persone non vogliono conoscere il proprio status sierologico. Finché non smantelliamo questo paradigma non riusciremo a sconfiggere il virus e arrivare all’obiettivo ‘zero infezioni al 2030’”. Queste le parole di Daniele Calzavara, coordinatore dell’Associazione di pazienti Milano checkpoint e tra i protagonisti del documentario di Michela Chimenti ‘Stigma invisibile’, proiettato alla vigilia della Giornata mondiale Aids.

Calzavara ha continuato spiegando cosa vuol dire far parte di un’associazione di pazienti con Hiv: “Nella nostra associazione, ma questo avviene nella maggior parte delle associazioni, le persone con Hiv, o comunque le persone siero-coinvolte, si trovano ad approcciarsi alla pari con le persone che frequentano l’associazione. Questo ha degli effetti straordinari perché non è più un rapporto frontale, come può essere quello del medico e del paziente, ma invece è un rapporto da pari, senza nessun pregiudizio e senza nessun giudizio. Nella nostra associazione viene sospesa ogni forma di giudizio rispetto alle persone che accedono per i servizi. Questo è importantissimo e ha degli effetti veramente molto molto buoni rispetto alle strategie di prevenzione e rispetto alle proprie scelte di vita".

29/11/2021

 

Curated Tags