It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’incidenza molto bassa dell'influenza registrata l’anno scorso "non deve trarci in inganno. Abbiamo avuto pochissimi casi di malattie respiratorie, raffreddori e problemi respiratori dovuti a batteri perché erano attive tutte le misure anti-Covid, dalla mascherina al lavaggio delle mani, ed erano chiuse molte attività sociali e anche la scuola. Ecco che, se la circolazione del virus è stata ridotta, questo potrebbe essere un boomerang tra un mese", in considerazione che "una gran fetta della popolazione non ha avuto la malattia ed è scoperta. Per questo l'influenza 2021-2022 potrebbe essere più impattante". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute il segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), Silvestro Scotti, a proposito dell’inizio della campagna antinfluenzale e della continuazione di quella anti-Covid, che comprende anche l’avvio della somministrazione della terza dose per qualche categoria di soggetti.

"L'influenza infatti si autolimita tra chi è vaccinato e chi si ammala - chiarisce Scotti - Quest'anno, visti i pochi casi dell'inverno passato, c'è una grossa fetta che non ha anticorpi residui e potrebbe essere più suscettibile al virus".

Sull'organizzazione della campagna vaccinale antinfluenzale, il segretario della Fimmg afferma che "a noi i vaccini vengono consegnati a fine settembre-inizio ottobre; lo scorso anno io l’ho avuto il 28 settembre. Avere i vaccini disponibili con una tempistica giusta ci permette di essere pronti a ottobre - precisa - visto che questi vaccini non hanno il problema della conservazione come invece hanno quelli anti-Covid".

"Al momento - rimarca - dobbiamo ancora capire come procederà la campagna vaccinale, anche se il linea di massima per la medicina generale parliamo di pazienti cronici e over 60, sperando che la maggior parte di questi siano vaccinati contro il Covid perché chi ha rifiutato questo vaccino dubito farà l'antinfluenzale".

Curated Tags