It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Nel 2020 la prevalenza d'uso degli psicofarmaci nella popolazione pediatrica è stata pari allo 0,3%, con un tasso di prescrizione di 28,2 per 1.000 bambini, in aumento dell'11,6% rispetto all'anno precedente. Ma questi medicinali hanno rappresentato comunque solo 0,6% del totale del consumo di farmaci in età pediatrica. Il ricorso agli psicofarmaci presenta un andamento crescente per età, raggiungendo il massimo nella fascia 12-17 anni, nella quale si registrano un tasso di prescrizione di 65 per 1.000 bambini e una prevalenza dello 0,71%, nel quadro che emerge dal Rapporto 'L'uso dei farmaci in Italia' realizzato dall'Osservatorio nazionale sull'impiego dei medicinali (OsMed) dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa.

Analizzando le prescrizioni per sottocategoria di farmaci, la prevalenza d'uso maggiore si osserva per gli antipsicotici (0,19%), con un numero di confezioni pari a 15,7 per 1.000 bambini, a cui seguono gli antidepressivi, con una prevalenza d'uso dello 0,14% e la prescrizione di 8,1 confezioni per 1.000 bambini, e i farmaci per l'Adhd (Disturbo da deficit di attenzione iperattività), con una prevalenza pari a 0,06% e una prescrizione di 4,4 confezioni per 1.000 bambini. Gli antipsicotici sono i farmaci che registrano l'aumento maggiore delle prescrizioni (+17,2%) rispetto all'anno precedente.

Studi epidemiologici internazionali pubblicati in letteratura, che hanno analizzato il trend prescrittivo di varie classi di psicofarmaci nella popolazione pediatrica, evidenziano negli ultimi decenni un generale aumento dei tassi di prescrizione in tutti i Paesi del mondo, viene spiegato nel report. Gli Stati Uniti registrano tassi di utilizzo nettamente superiori (fino a oltre il 6%) rispetto a quelli dei Paesi europei. E in Italia la prevalenza d'uso di questi farmaci nei pazienti pediatrici "è molto bassa" (circa il 3‰), ma superiore rispetto ai dati osservati nel 2011 (1,76‰) in uno studio multiregionale condotto su un campione che tuttavia copriva solo la metà della popolazione pediatrica italiana.

09/08/2021

Curated Tags