It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Tra i pazienti che affollano le terapie intensive il 74% è costituito da persone non vaccinate contro il Covid-19 o che non hanno completato il ciclo vaccinale.

È questo il risultato di un monitoraggio effettuato dalla rete degli ospedali sentinella della Fiaso - Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere. Ad oggi, secondo i dati raccolti dalla Fiaso, al 16 novembre su un totale di 625 pazienti ricoverati nei reparti Covid, 86 (13,7%) sono in rianimazione.

Nonostante il vaccino – emerge dal report di Fiaso – è finito in rianimazione il 70% dei casi di pazienti con gravi comorbidità (cardiopatia, obesità grave, diabete, broncopneumopatia cronica ostruttiva, neoplasia) o pazienti dializzati, trapiantati o immunosoppressi, sui quali può essersi verificato un fallimento del vaccino causato dalle patologie. Di contro, la percentuale di pazienti non vaccinati e con comorbidità si abbassa al 57%. Questo significa - si legge in una nota - che i soggetti sani non vaccinati hanno maggiori probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva rispetto ai vaccinati che, quando ci finiscono, è per lo più a causa della comorbidità.

L’età media dei vaccinati è di 70 anni, mentre quella dei non vaccinati è di 61 anni. "L’analisi condotta grazie ai dati dei 16 ospedali sentinella aderenti alla Fiaso conferma ancora una volta l’efficacia della vaccinazione nella protezione dalle forme gravi della malattia: la stragrande maggioranza dei ricoverati in terapia intensiva è composta da non vaccinati, in buono stato di salute e più giovani rispetto ai vaccinati", commenta il presidente Fiaso, Giovanni Migliore.

"Grazie al focus sulle condizioni cliniche, inoltre - spiega il presidente Fiaso - è possibile rilevare come i pochi vaccinati che purtroppo arrivano in rianimazione hanno in media un’età più alta, pari a 70 anni, e sono per oltre due terzi affetti da gravi patologie che potrebbero aver determinato una non adeguata o minore risposta immunitaria al vaccino. Gli studi recenti ormai dimostrano il calo dell’efficacia della vaccinazione a distanza di oltre sei mesi, per questo - ammonisce - è necessario accelerare sulla somministrazione della terza dose. Quanto agli operatori sanitari, più esposti al rischio di infezione e a costante contatto con pazienti fragili, sia reso obbligatorio il richiamo vaccinale con la dose booster per salvaguardare il funzionamento del servizio sanitario nazionale".

"Nella nostra terapia intensiva il 100% dei pazienti risulta non vaccinato", riferisce Maurizio Di Mauro, Direttore generale dell’azienda dei Colli Monaldi-Cotugno di Napoli che ha aderito alla rete degli ospedali sentinella Fiaso. "A confronto con le precedenti ondate - sottolinea - l’ospedalizzazione è inferiore rispetto al tasso di positività: è la dimostrazione che i vaccini funzionano, ma occorre non abbassare la guardia per evitare il contagio, dato che continuano a circolare troppi soggetti non vaccinati. Bisogna continuare ad adottare precauzioni - conclude - come l’utilizzo della mascherina ed evitare assembramenti e luoghi affollati".

17/11/2021

Curated Tags