It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

"Terze dosi, vaccinazione di ragazzi e bambini e continuare col Green pass, per evitare che chi si è vaccinato debba di nuovo vivere restrizioni, che semmai vanno affibbiate in modo selettivo a chi non vuole vaccinarsi". Si tratta delle misure anti-Covid suggerite dal virologo Guido Silvestri, docente negli Usa alla Emory University di Atlanta, nel momento in cui il governo studia un piano per mettere in sicurezza il Natale e mentre prosegue il dibattito sull'opportunità di immunizzare anche i bimbi più piccoli in vista del via libera al vaccino nella fascia 5-11 anni.

Fondatore della pagina social 'Pillole di ottimismo', Silvestri rivendica l'approccio al quale è rimasto fedele in ogni fase della pandemia: quando alla fine di ottobre 2020 "eravamo, ricordiamoci, nel pieno della seconda ondata di Covid e del panico mediatico ad essa correlato – evidenzia su Facebook - avevo espresso con forza l'importanza di aver fiducia nella scienza, ed avevo previsto a chiare lettere l'arrivo imminente dei vaccini, sostenendo che avrebbero rappresentato una vera e propria 'cavalleria della scienza' contro il virus".

Ebbene, "a distanza di un anno sono molto contento ed orgoglioso di aver fatto quelle affermazioni. Inutile dire che avevo pienamente ragione, in quanto i dati di Pfizer e Moderna sugli studi clinici di fase 3 sarebbero arrivati di lì a poche settimane (Pfizer il 10 novembre e Moderna il 17), subito seguiti dall'autorizzazione di Fda e dall'inizio della vaccinazione di massa a dicembre 2020 - prosegue Silvestri. Questo mentre la 'divulgazione' televisiva e mediatica su Covid era dominata dal catastrofismo, e sui social alcuni pensavano di apparire arguti sbeffeggiando l'ottimismo della conoscenza”.

15/11/2021

Curated Tags