It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Contro il Covid-19, al posto dell’obbligo alla vaccinazione servirebbe l’obbligo all’uso della mascherina Ffp2. È la proposta di compromesso suggerita da Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell'Università di Padova, intervenuto alla trasmissione Agorà, su Rai Tre. "Ci sono tante persone che hanno fobie – ha detto Crisanti -. Ci sono quelle che, per esempio, non viaggerebbero mai in aereo, nemmeno con l'obbligo. Bisogna accettare che c'è una piccola porzione di popolazione che ha questi problemi con la vaccinazione e queste persone non devono e non possono essere regalate ai no vax. Serve trovare un compromesso. Per esempio obbligarle ad usare la mascherina Ffp2 che è molto sicura".

"Siamo in una situazione in cui raggiungeremo un equilibrio, in cui il virus ha un certo livello di trasmissione e lo possiamo bloccare vaccinandoci, con la terza dose che a mio avviso deve essere parte del processo di vaccinazione, e mantenendo determinate precauzioni, come l’uso delle mascherine nei trasporti e nei luoghi pubblici affollati – ha continuato il professore -. Mantenendo questo livello di precauzione spero che raggiungeremo una situazione il più possibile lontana da quella della Gran Bretagna”.
La maggiore suscettibilità dell’infezione a livello della popolazione, secondo Crisanti, emergerà tra dicembre-gennaio. “Vaccinare con la terza dose fragili e anziani è corretto – ha aggiunto -, ma non è sufficiente, perché se non vaccineremo tutti con la terza dose fra poco avremo livelli di trasmissione particolarmente importanti".

"La ragione per cui l'Italia ha meno casi di Covid oggi è perché ci siamo vaccinati più tardi e abbiamo ancora misure di restrizione, come le mascherine nei luoghi chiusi e le limitazioni di capienza", ha aggiunto Crisanti. La differenza rispetto alla Gran Bretagna, ha quindi spiegato l’esperto, “è dovuta al fatto che noi abbiamo vaccinato più tardi e quindi siamo più protetti”. A questo aspetto va aggiunta la questione, “che loro hanno abbandonato tutte le precauzioni”.

Inoltre, “in Inghilterra e in Israele la maggioranza delle persone si è vaccinata tra gennaio e aprile – ha quindi precisato il professore -. Mentre in Italia la maggioranza si è vaccinata tra aprile e luglio. La protezione della vaccinazione dalla trasmissione cala dopo sei mesi dal 95% al 45% e, contro le complicazioni, cala dal 90% al 65% nello stesso arco di tempo. Quindi per questo l'Italia ha la popolazione più coperta". Sulla preoccupazione per i contagi, Crisanti ha ricordato che il problema si ha quando "l'indice Rt supera l'1" e che Rt "non ha nulla a che fare con i tamponi, sono cose diverse perché l'indice viene calcolato sui sintomatici".

28/10/2021

Curated Tags