It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Che cos’è la steatoepatite non alcolica?

La steatoepatite non alcolica (NASH) è una malattia epatica cronica caratterizzata dall’accumulo di grassi nel fegato. L’organo non riesce a smaltire la quantità di lipidi immessi, si infiamma e i tessuti si necrotizzano, compromettendone le funzioni. La patologia può degenerare in cirrosi e insufficienza epatica.

L’origine della malattia non è ancora chiara, ma tra le cause possibili è indicata la insulino-resistenza. Il sovrappeso e l’obesità sono i principali fattori di rischio. La maggior parte dei pazienti non presenta sintomi; per diagnosticare la NASH occorre sottoporsi a biopsia epatica.

Quali sono i sintomi della steatoepatite non alcolica?

La malattia può progredire per lungo tempo in maniera asintomatica, mentre in fase avanzata presenta sintomi quali: febbre, nausea e vomito, perdita di appetito e di peso, dolore all’addome, ingiallimento di pelle e occhi (ittero), spossatezza, confusione e ansia.

L’avanzare della malattia può provocare alcune complicazioni gravi, quali insufficienza epatica, ipertensione portale (pressione alta della vena porta), varici ed emorragie interne, ritenzione dei liquidi nella cavità addominale (ascite) ed encefalopatia epatica.

Cerca e consulta i contenuti relativi a questa area terapeutica

Nash

Quali sono le cause della steatoepatite non alcolica?

Le cause della steatoepatite, non ancora del tutto chiare, includono: un’alimentazione troppo ricca di calorie che può portare a sovrappeso e obesità, livelli alti di trigliceridi e colesterolo nel sangue, diabete di tipo 2 (quindi ridotta sensibilità all’insulina), squilibri ormonali.

Diagnosi

Per la diagnosi occorre sottoporsi a esami del sangue (in particolare le transaminasi); ecografia addominale, Tac o risonanza magnetica, per identificare il fegato ingrossato; ma soprattutto biopsia epatica, per individuare l’infiammazione e distinguerla con certezza dalla steatosi epatica NAFLD.

 

La steatosi epatica

La steatosi epatica (malattia da fegato grasso, NAFLD) è un eccessivo accumulo di grassi nelle cellule epatiche, ma, rispetto alla steatoepatite non alcolica, non provoca l’infiammazione del fegato. La causa principale è un’alimentazione ipercalorica.

Prevenzione

Le regole base per la prevenzione di questo genere di patologie è mantenere sotto controllo il peso corporeo e condurre uno stile di vita corretto: alimentarsi in modo sano, riducendo grassi e zuccheri, mangiando molta frutta, verdura e pesce, e tenersi in forma svolgendo attività fisica regolare.