It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Avvicinare i cittadini, soprattutto i più giovani, alla cultura scientifica e al suo metodo è l’obiettivo di Mudimed, il primo Museo Digitale della Storia del Metodo Scientifico in Medicina, presentato presso il Ministero della Cultura alla presenza del Ministro Dario Franceschini. Si tratta di uno spazio virtuale esclusivo, pensato proprio per offrire al grande pubblico la possibilità di conoscere in maniera più approfondita la storia e le sfide della medicina.

Questo percorso museale inedito - promosso dal Ministero della Cultura e da Novartis Italia, con la partecipazione del Ministero dell’Università e della Ricerca e il supporto tecnologico di Google Arts & Culture - rappresenta una tappa importante nella direzione di un rapporto più stretto tra scienza e società: un tema divenuto estremamente attuale a causa della pandemia da Covid-19 e ormai decisivo per il futuro del Paese.

Mudimed propone un approccio innovativo al metodo scientifico in medicina con un linguaggio originale e coinvolgente, che accompagna il visitatore virtuale in un percorso rigoroso e insieme suggestivo, nel quale l’innovazione scientifica e la medicina incontrano la cultura umanistica e l’arte. Alcune tra le più prestigiose istituzioni museali e bibliotecarie italiane hanno messo a disposizione di questo nuovo spazio espositivo le loro principali opere in formato digitale.

Questo progetto si inserisce nel percorso Scienza da vivere, promosso da Novartis Italia nel suo piano di risposta alla pandemia, che comprende diverse azioni a supporto della science literacy, con l’obiettivo di rafforzare il dialogo tra cultura, scienza e società, con l’adozione di linguaggi e modalità più vicini alle sensibilità del pubblico.

Nella sua prima sala aperta al pubblico, Mudimed accoglie 19 opere provenienti da alcuni dei più importanti musei e istituzioni bibliotecarie del nostro Paese: dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, al Museo della Storia della Medicina de La Sapienza, passando per il Museo e il Real Bosco di Capodimonte fino ad arrivare alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, un circuito che afferisce al Ministero della Cultura (MIC) e al Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) e che rappresenta una componente essenziale dell’enorme patrimonio culturale, artistico e museale del nostro Paese. Il progetto si avvale del supporto tecnologico di Google Arts & Culture, lo spazio online di Google che raccoglie il patrimonio di conoscenza di oltre 2.000 istituzioni culturali di 80 paesi nel mondo.

Le opere comprendono manufatti, dipinti, opere letterarie e sculture e identificano alcune tappe fondamentali dell’evoluzione del metodo scientifico in medicina: dai manufatti in terracotta degli scavi di Pompei, quando la medicina era principalmente devozione e preghiera, agli affreschi del 1600 che riportano scene delle più importanti epidemie del passato, per arrivare ai reperti che testimoniano i primi interventi chirurgici, alle vaccinazioni e alle conquiste della moderna farmacologia.

20/10/2021

Curated Tags