It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Sono stati identificati diversi fattori di rischio non genetici e potenzialmente modificabili che possono favorire la comparsa della psoriasi. Agendo su questi elementi, definiti trigger, è possibile ridurre le recidive della malattia.

La psoriasi infatti è una patologia infiammatoria cronica che si manifesta sulla pelle con la comparsa delle tipiche macchie/placche in varie parti del corpo. La malattia psoriasica alterna periodi in cui non ci sono sintomi ad altri in cui sono presenti (recidive). Ogni riacutizzazione è accompagnata da un forte calo della qualità della vita per il disagio fisico, quindi psicologico, dovuto alla comparsa di chiazze che, soprattutto nelle forme moderate-severe e/o localizzate in aree cutanee visibili (viso, cuoio capelluto, mani, unghie ecc.), possono compromettere le relazioni interpersonali.

Le terapie oggi disponibili permettono un buon controllo della malattia psoriasica, ma per convivere il più possibile serenamente con questa condizione, che mina la qualità della vita sociale, vari studi hanno dimostrato che è possibile agire su alcuni fattori legati al comportamento di tutti i giorni.

All’origine della psoriasi, come è noto, c’è un problema del sistema immunitario, ma alcuni fattori scatenanti (trigger) possono peggiorare i sintomi o causare riacutizzazioni. Evitando accuratamente questi fattori trigger, si può ridurre la frequenza e la severità delle riacutizzazioni.

Fattori trigger modificabili della psoriasi

  • Fumo di sigaretta 
  • Alcol (in eccesso)
  • Traumi della pelle. In alcune persone con psoriasi, traumi alla pelle - inclusi tagli, lividi, ustioni, protuberanze, tatuaggi e altre condizioni della pelle - possono causare una riacutizzazione dei sintomi nel sito della lesione. Questa condizione è chiamata "fenomeno di Koebner". Altre condizioni che possono causare traumi e stress alla pelle sono:
    • Lavarsi con acqua bollente o troppo fredda
    • Restare immersi a lungo nell’acqua
    • Usare detergenti aggressivi
    • Indossare indumenti in tessuti irritanti o troppo stretti
    • Sfregare le lesioni (grattarsi, uso di spugne/guanti/scrub abrasivi o asciugandosi vigorosamente dopo essersi lavati)
  • Esposizione a temperature fredde e secche perché queste situazioni disidratano la pelle e la rendono secca e più esposta ad avere una riacutizzazione. Idratare a sufficienza la pelle, oltre ad essere una buona pratica quotidiana, è particolarmente importate in questi casi. È bene ricordare che, al contrario, il clima caldo e soleggiato sembra aiutare a controllare i sintomi della psoriasi nella maggior parte delle persone. L’eccessiva esposizione al sole e ad alte temperature è però un fattore di rischio di riacutizzazione.
  • Stress. La stessa malattia psoriasica può causare stress e, come riferiscono i pazienti, durante periodi particolarmente stressanti spesso i sintomi si manifestano nuovamente.
  • Alimentazione ipercalorica
    Alcuni farmaci possono causare riacutizzazioni dei sintomi della psoriasi.
    Infezioni. Alcune infezioni, come mal di gola o tonsillite, possono provocare guttate (piccole goccioline rosa salmone) o altri tipi di psoriasi due o tre settimane dopo l'infezione.

Stile di vita per evitare recidive

Piccoli cambiamenti nello stile di vita quotidiano, insieme alla terapia farmacologica, possono aiutare in modo efficace a tenere sotto controllo la malattia psoriasica.

Alimentazione. Proprio per la natura infiammatoria della psoriasi, è particolarmente indicato introdurre alimenti freschi e ricchi di vitamine e altri elementi antiossidanti (come frutta, verdura e olio extra-vergine di oliva), acidi grassi omega-3 (presenti in pesce, noci, semi di lino ecc.) e probiotici. Si consiglia di ridurre quindi l’assunzione di cibi ricchi di acidi grassi saturi (grassi animali come il burro), carni rosse, insaccati, zuccheri semplici e glutine dei cereali. Questo tipo di alimentazione contribuisce anche alla perdita di peso e alla prevenzione di malattie cardiovascolari e metaboliche (compreso il diabete), che sono particolarmente frequenti in chi soffre di psoriasi.

Idratazione. Come anticipato, la pelle secca aumenta il rischio di recidive. Bere a sufficienza è molto importante per chi soffre di psoriasi, in quanto contribuisce a mantenere idratata la pelle “dall’interno”. L’ideale è assumere almeno 1,5-2 litri di liquidi al giorno (non zuccherati, né alcolici) aumentando le quantità in estate, se si pratica attività fisica intensa e se si suda molto.

Attività fisica. In forma moderata e svolta regolarmente, l’attività fisica è fondamentale per la salute e il benessere, a ogni età, e diventa particolarmente importante per chi soffre di psoriasi, per prevenire incrementi di peso e malattie cardiovascolari e metaboliche, ma anche per controllare lo stress. L’allenamento ideale, da svolgere 2-3 volte la settimana, prevede la combinazione dell’attività fisica aerobica e di resistenza. In generale è meglio evitare gli sport di contatto, che comportano rischi di traumi/ferite cutanee. Per chi soffre di artrite psoriasica, yoga, pilates, nuoto e aquagym sono un buon compromesso tra la necessità di esercizio fisico e tutela delle articolazioni.

Riduzione dello stress. Questa condizione è particolarmente importante nel caso della malattia psoriasica che, di per sé, è stressogena. Per rompere il circolo vizioso è importante imparare a parlare apertamente della propria malattia e delle difficoltà che si incontrano nel quotidiano con il medico/dermatologo e apprendere tecniche di meditazione e gestione delle emozioni. Se il disagio psicologico è significativo e impedisce di vivere serenamente, è consigliabile rivolgersi a uno psicologo/psicoterapeuta per ottenere un aiuto personalizzato.