It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

"La copertura vaccinale con 3 dosi su tutta la popolazione costituirà una risposta decisiva alla pandemia" di Covid-19. Tuttavia "ciò non significa che non si faranno più richiami: anche per altri virus, come quello dell'epatite B, dopo alcuni anni è necessario fare una nuova somministrazione, ma sarà presumibilmente destinata al lungo periodo".
Queste le parole di Sergio Abrignani, professore ordinario di Patologia generale all'università Statale di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico per l'emergenza coronavirus, presente a Milano al Congresso biennale internazionale Amit-Argomenti di Malattie infettive e tropicali, come riportato da una nota redatta dai promotori dell'evento.

"La maggior parte dei vaccini ha bisogno di 3 dosi, quindi ora stiamo solo ricorrendo alla vecchia regola vaccinale", chiarisce Abrignani. "Tutti i nostri figli - prosegue - sono vaccinati contro numerose patologie come difterite, pneumococco, epatite B, tetano, meningococco B, poliomielite, sempre con 3 dosi. La terza dose abitualmente si esegue a distanza di 6-8 mesi dalla seconda: è il classico iter per un soggetto che non è mai venuto a contatto con un determinato microorganismo.
Diverso è invece il caso dell'influenza, il cui virus cambia ogni anno radicalmente. Gli unici vaccini che non hanno bisogno di 3 dosi sono quelli a base di virus vivi attenuati, come i vecchi vaccini per il vaiolo e per la poliomielite, o quelli che usiamo oggi per parotite, morbillo, rosolia, che replicano il virus senza provocare la malattia. Tutti gli altri vaccini si basano su un meccanismo di 3 dosi: le prime 2 servono a innescare la risposta, la terza prolunga la memoria immunitaria e genera una risposta anche nei soggetti più fragili".

Contro Sars-CoV-2, "la somministrazione della terza dose parte solo ora - evidenzia l'immunologo - perché prima vi era l'urgenza di completare una prima immunizzazione nel minor tempo possibile per arginare la diffusione del virus".

"Senza vaccini abbiamo viaggiato alla triste media di 15-18mila decessi al mese – ricorda Abrignani - Era urgente sviluppare vaccini che funzionassero subito, nonostante si sapesse che nel corso dei mesi sarebbe diminuita la risposta immunitaria. I vaccini a mRna sono stati una rivoluzione che ci ha consentito di avere in poco tempo uno strumento sicuro ed efficace".

15/09/2021

Curated Tags