It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

“Non voglio essere catastrofista, non è questo il momento di esserlo. Però io quest'anno le vacanze di Natale le passerei in Italia. Andare nei Paesi stranieri è sicuramente più rischioso che rimanere qui. Siamo il Paese che in Europa sta meglio di tutti: perché andare a cercare il virus?”. Non ha dubbi l’immunologo Francesco Le Foche che, riguardo al Natale che dobbiamo aspettarci, aggiunge: “Le festività? Molto dipenderà da noi, dai nostri comportamenti e, soprattutto, dalle vaccinazioniDa quanto saremo disposti a vaccinarci. Dobbiamo cercare di infondere sicurezza a chi non ne ha. I no vax ideologici sono una minoranza. La maggior parte sono persone che hanno paura del vaccino. Vanno comprese e aiutate”.

Riguardo le mete più lontane dove passare le vacanze e dove il Covid non è aggressivo, Le Foche ricorda che "gli spostamenti portano poi il problema delle quarantene, all'andata e al ritorno. Si rischia di passare tutto il periodo di vacanza chiusi in albergo e di chiudersi in casa al rientro. Ma non è solo per questo. Passerei le vacanze in Italia perché così si evita di prendere tanti mezzi di trasporto. L'ideale sarebbe cercare posti raggiungibili in automobile. Tuttavia ora anche con i treni ad alta velocità si può stare tranquilli: con le nuove regole il green pass verrà controllato prima di salire sul treno. Quanto a mostre e musei, la responsabilità individuale è importante. Cominciando dalle file all'ingresso, rispettando il distanziamento. All'interno, ovviamente, si deve indossare correttamente la mascherina. Poi bisogna avere cautela anche all'interno del museo. Mai accalcarsi davanti a un quadro o una statua. Per vedere un'opera d'arte è meglio aspettare se c'è tanta gente davanti”.

“Meglio evitare i mercatini di Natale che non rispettano le regole - prosegue l’immunologo -. Mi sono soffermato a guardarne uno vicino casa mia, molto rispettoso. I banchi erano correttamente distanziati. Poi tocca sempre a noi, evitare la folla è la regola aurea. Alla cena di Natale, possono riunirsi anche due o tre famiglie, se si conoscono e sanno di essere tutti vaccinati. Si deve avere l'accortezza di arieggiare la stanza. E per Capodanno, non posso fare a meno di invocare la cautela: meno si è e meglio è. Il punto è evitare il più possibile la promiscuità. Evitiamo le fobie. Non togliamoci la possibilità di vivere afflati di empatia. Di affetto. Non preoccupano le piste da sci, sono all'aperto e si scia da soli. Il problema sono i rifugi e gli alberghi ove il ricambio d'aria potrebbe essere inadeguato. Comportiamoci come nei ristoranti e negli alberghi delle città. Ovvero, assicurarsi che venga controllato il green pass, quindi andare via se all'interno non vengono rispettate le misure di distanziamento” conclude Le Foche.

24/11/2021

Curated Tags