It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La diagnosi precoce del cancro deve essere 'di precisione', soprattutto nell'era della medicina personalizzata. Servono nuovi biomarcatori per individuare le persone su cui è più indicato lo screening per tumori diffusissimi come quelli del polmone o della prostata. È lo scenario prospettato durante l'evento 'Tumori e screening in Italia', promosso da Ropi (Rete oncologica pazienti in Italia). Fra i temi oggetto del confronto, informa una nota, anche "le prime evidenze emerse da trial clinici europei e da uno studio attualmente in corso all'Istituto nazionale tumori (Int) di Milano".

"La diagnosi precoce dei tumori permette di ridurre negli anni futuri la mortalità per cancro - afferma Stefania Gori, presidente Ropi. È quindi necessario aumentare il numero di persone che aderiscono agli screening oggi disponibili, ridurre le differenze interregionali, recuperare gli esami non eseguiti nel 2020 a causa dell'emergenza Covid-19, progettare screening per altre patologie tumorali. Questo Ropi chiede oggi alle istituzioni, in linea con il Piano europeo per la lotta contro il cancro 2021".

"Oggi è indispensabile lavorare ai biomarcatori dedicati soprattutto a quei tumori per cui ancora non si hanno test di screening consolidati, come per il tumore del seno, del colon-retto o del collo dell'utero, e in cui la diagnosi precoce è più difficile - sottolinea Giovanni Apolone, direttore scientifico dell'Int - o per le altrettanto diffusissime neoplasie della prostata e del polmone, dove ancora non vi sono strumenti adeguati. I dati emersi da recenti trial clinici europei e da studi in corso, attuati anche all'interno del nostro Istituto, ci fanno però ben sperare che questo obiettivo sia un traguardo ormai prossimo. Per adeguarci alle nuove esigenze degli screening oncologici, rendendoli strumenti ancora più performanti, dovremo insomma aumentare le ricerche più innovative in grado di identificare biomarcatori sempre più precisi, che si affianchino agli attuali parametri di sesso ed età su cui si effettua la selezione del paziente potenzialmente a rischio".

"Il bisogno di rendere più efficienti ed efficaci gli screening oncologici è divenuto prioritario anche a seguito della pandemia, che ne ha provocato un sensibile calo - evidenzia Paola Mantellini, coordinatore dell'Osservatorio nazionale screening - Nel 2020 sono state recapitate 4 milioni di lettere di invito in meno ai cittadini aventi diritto, ed eseguiti 2,5 milioni di test in meno rispetto al 2019. Tutte le Regioni hanno subito una battuta d'arresto nei mesi di marzo e aprile 2020, e alla ripartenza la maggior parte dei programmi di screening è stata costretta a rivedere la propria organizzazione: dalle modalità di invito, alla gestione degli spazi e alle modalità di erogazione dei test/esami di screening".

A questi problemi - rimarcano gli esperti - si aggiungono anche quelli relativi alle differenze geografiche e di approccio agli screening, che Covid non ha certamente migliorato. "Già prima della pandemia, una parte della popolazione restava fuori dalla prevenzione secondaria - ricorda Maria Masocco, responsabile scientifico del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità - Chi si sottopone agli screening oncologici a scopo preventivo, nell'ambito dei programmi organizzati o su iniziativa spontanea, non raggiunge a livello di media nazionale l'80% della popolazione target, neppure fra quelli più consolidati come lo screening mammografico. Per quello del colon retto, introdotto più recentemente, la copertura totale è al di sotto del 50%. Inoltre vi è una grande distanza fra Nord e Sud, con Regioni del Nord in cui la copertura sfiora il 90% della popolazione target, come accade nello screening mammografico, e Regioni del Sud in cui raggiunge appena il 50%". "Un gap determinato fondamentalmente dalla minore offerta dei programmi organizzati nel Sud", analizza Masocco, e "talvolta anche da una minore efficacia nel raggiungere la popolazione target, che si aggiunge anche a un'alta prevalenza di fattori di rischio comportamentali come sedentarietà, obesità e il fumo in alcune classi di età, che giocano un ruolo fondamentale anche nella genesi dei tumori".

"La prevenzione dei tumori necessita sempre di un'appropriata valutazione medica con relativi esami diagnostico-strumentali e dei previsti screening, determinanti per individuare il cancro allo stadio iniziale - dichiara Francesco Schittulli, presidente Lilt-Lega italiana per la lotta contro i tumori - E' una fase delicatissima sulla quale è importante insistere e investire, mettendo in rete tutte le risorse a disposizione: tecnologia, test genetici, ricerca e professionalità. Stiamo assistendo infatti a uno sviluppo di terapie sempre più mirate e personalizzate: è tempo - conclude Schittulli - che anche le fasi di screening e diagnosi precoci vadano in questa direzione".

01/07/2021